Condividi su

«Vi attendo numerosi alla celebrazione in Cattedrale e auspico che ogni parroco, con la rispettiva comunità, e ogni comunità religiosa possa predisporsi ad una proficua preparazione e alla partecipazione all’evento di grazia, che volentieri condivido con voi in questo momento del mio ministero episcopale nella diocesi gaudenziana».

In occasione del 79° anniversario del martirio è un invito rivolto a tutta la diocesi a prepararsi e a partecipare alla messa per la beatificazione di don Giuseppe Rossi, quello che fa il vescovo Franco Giulio con una lettera ai sacerdoti, alle comunità religiose monastiche e alle associazioni laicali della diocesi.

L’appuntamento sarà domenica 26 maggio alle 16 a Novara, per il rito nel quale il prefetto del Dicastero per le cause dei santi cardinale Marcello Semeraro, a nome del Papa, proclamerà beato il sacerdote diocesano originario di Varallo Pombia martirizzato in odio alla fede da una brigata di Camicie Nere il 26 febbraio 1945 a Castiglione Ossola, dove era parroco.

«Ovviamente la beatificazione – prosegue il vescovo – non è la tappa conclusiva di un percorso protratto per molti anni, ma è il riconoscimento da parte della Chiesa e del suo Pastore, Papa Francesco, di un esempio di vita cristiana da proporre con perseveranza, con i suoi valori e principi, e da attualizzare in questo nostro tempo. Invito perciò ciascuno e tutte le comunità parrocchiali a valorizzare, anche successivamente alla beatificazione, non solo la testimonianza di questo sacerdote martire nelle omelie, nelle catechesi, negli incontri spirituali, ma anche a proporne ai fedeli l’intercessione, come suggerisce il senso autentico di una beatificazione».

Nelle due comunità che hanno segnato la vita di don Rossi, intanto, la festa nel segno del ringraziamento «per il dono» di questo sacerdote martire è già iniziata. Domenica 25 un nutrito gruppo di fedeli della parrocchia di Varallo Pombia accompagnati dal parroco don Fausto Giromini ha vissuto a Castiglione un pellegrinaggio per celebrare l’anniversario della morte, mentre lunedì mattina i ragazzi della scuola media del paese hanno partecipato ad una gita scolastica sui luoghi del martirio accompagnati dal parroco don Fabrizio Cammelli e dal delegato diocesano per la causa di beatificazione padre Marco Canali. Nella sera di lunedì 26, la messa presieduta dal vicario generale mons. Fausto Cossalter.

«Don Giuseppe – ha detto mons. Cossalter – ci ricorda chi è il cristiano: un testimone che mette al primo posto il Signore, che non si nasconde per paura delle conseguenze della propria fede. Chissà cosa sarà passato nella sua mente in quei momenti, certamente paura, angoscia, rassegnazione, molta preghiera? Nonostante gli inviti di alcuni a scappare, lui sceglie di restare fedelmente al suo posto pur immaginando le conseguenze a cui andava incontro». Poi una riflessione sulla sua testimonianza: «Ricordare un martire non vuol dire ammirarlo, è troppo poco… ci è chiesto di imitarlo. A noi oggi qui a casa nostra non viene chiesto di scegliere tra perdere la vita fisica e conservarla, ma ci è chiesto di essere testimoni coraggiosi del Vangelo in ogni momento. Gesù ha detto che i suoi discepoli sono: “sale della terra e luce del mondo”. Domandiamoci allora: qual è la qualità della mia fede? Davvero è importante per la mia vita e le mie scelte quotidiane? Essere cristiani o non esserlo, cosa cambia?».

Le proposte per parrocchie e fedeli

Sono diverse le proposte che la diocesi di Novara sta preparando per tutti coloro – laici, sacerdoti e religiosi-, che vogliono conoscere meglio la figura di don Giuseppe Rossi.

La parrocchia di Castiglione è disponibile ad accogliere gruppi parrocchiali, ma anche gruppi di studenti, per accompagnarli ad una visita sui luoghi del martirio. Per informazioni, don Fabrizio Cammelli e mail: [email protected].

È disponibile in prenotazione con prezzi scontati per gruppi e parrocchie la biografia ufficiale del beato “Icona di un parroco martire” con una prefazione del vescovo Brambilla. Per informazioni: Alberto Fizzotti, email: [email protected]; tel: 393 9711804.

È anche in fase di realizzazione un piccolo sussidio pensato per i preadolescenti e i cresimandi dedicato alla vita di don Rossi. Per informazioni sui contenuti don Gianluca De Marco, email: [email protected]; tel: 344 1727164. Per le prenotazioni: [email protected].

La Giornata di Fraternità Sacerdotale, già prevista per il prossimo 14 maggio, si terrà a Castiglione Ossola e sarà dedicata ad approfondire la figura del martire don Giuseppe Rossi.

L’articolo con le altre notizie dai territori della Diocesi di Novara si possono trovare sul nostro settimanale, in edicola a partire da venerdì 1° febbraio. Il settimanale si può leggere anche online, abbonandosi o acquistando il numero cliccando direttamente qui.

Condividi su

Leggi anche

Il novarese mons. Filippo Ciampanelli
Diocesi

Il sacerdote novarese mons. Ciampanelli nominato sotto-segretario del Dicastero per le Chiese Orientali

Andrea Gilardoni

Alessio Passiatore
Diocesi

Novara e Biella unite nel dolore per la morte del seminarista Alessio Passiatore

Andrea Gilardoni

cattedrale novara
Diocesi

In duomo domenica 14 aprile l’incontro diocesano dei fidanzati con il Vescovo

Redazione