Condividi su

Almeno quattromila persone hanno assistito all’accensione dell’albero di Natale posizionato sulla rotatoria di corso della Repubblica, un evento tanto atteso che non aveva mai richiamato un numero così consistente di presenti.
L’appuntamento organizzato dall’amministrazione comunale ha riscosso molto successo tra la cittadinanza; tutti i convenuti hanno potuto assaporare una cioccolata calda e una fetta di pandoro o panettone, offerte dal Gruppo Alpini di Arona.
Poco prima i bambini delle scuole elementari e medie in coro, diretti dal maestro Marino Mora, hanno cantato delle tradizionali canzoni natalizie, riscaldando i cuori di tutte le persone presenti.
È stata una serata speciale diretta dal sindaco Federico Monti e dal suo vice Alberto Gusmeroli.
«Vogliamo ringraziare la Pro Loco – ha dichiarato il sindaco Monti – e l’amico della città Davide Zanchi, che da tredici anni sponsorizza l’albero, al quale, a partire da quest’anno, se ne aggiungono altri sei nei principali incroci della città. Un caloroso grazie inoltre a tutte le forze dell’ordine, ai volontari della Croce Rossa, della protezione civile e agli alpini, che hanno reso possibile questa magnifica serata. Un ringraziamento particolare lo voglio indirizzare alla dirigente scolastica Gabriella Rech che ha consentito alle scuole di essere presenti all’evento».
Il conto alla rovescia, partito da meno 50, è stato scandito a più voci in particolare dai bambini presenti, poi, quasi all’improvviso, lo splendore delle luci.
Alto 11 metri e 20 centimetri il nuovo albero si presenta addobbato con 38 mila luci rigorosamente a led.

Condividi su

Leggi anche

il SEMPIONE

Ad Arona tempo di Tredicino, le giostre e il programma

Giulia Dusio

Arona
il SEMPIONE

Positivo il bilancio turistico dell’anno 2023 per l’Aronese

Franco Filipetto

Il tavolo dei relatori della presentazione del quaderno "La memoria non è polvere"
il SEMPIONE

La “Casa di Riposo” di Arona assicura che “la memoria non è polvere”

Giulia Dusio

il SEMPIONE

L’immagine digitale di Cimberio “made in Dormelletto”

Redazione