Condividi su

La Chiesa novarese unita a quella uruguaiana nel lutto per don mons. Antonio Bonzani, sacerdote missionario fidei donum di origini ossolane, mancato venerdì 5 aprile a Montevideo, dove lunedì 8 aprile si terrà il funerale.  Dal 2000 era parroco di ‘Nostra Signora di Lourdes’ nel quartiere Malvin nel centro della capitale sudamericana, parrocchia con più di 50mila abitanti. Da tempo soffriva di problemi cardiaci ed era in attesa di un intervento al cuore: «il Signore della Vita” – ha ricordato don Ernesto Bozzini, per diversi anni missionario in Uruguay – lo ha invece preso con sé in questa settimana di Pasqua».

Il suo ministero dedicato all’Uruguay

Mons. Bonzani era nato a Villette, nell’alta Val Vigezzo, il 5 giugno 1945. Ordinato il 20 giugno 1970 da mons. Placido M. Cambiaghi, aveva vissuto i primi mesi sacerdotali come vicario parrocchiale a Re, presso il Santuario della Madonna del Sangue, per poi divenire, dall’ottobre del 1970 fino al 1972 vicario parrocchiale di Gozzano. Nel 1972 avviò, quale fidei donum, la sua esperienza missionaria in Uruguay. Dal 1972 al 1978 sarà parroco di ‘S. Teresita del Niño Jesus’ nell’arcidiocesi di Montevideo, e dal 1978 al 1981 della ‘Sacra Famiglia della Teja’ nella periferia della Capitale, affiancato da altri missionari novaresi. Contemporaneamente, dal 1976 al 1992 sarà Docente di filosofia presso l’Istituto per Religiosi Mater Ecclesiae a Montevideo. Ritornerà poi in Italia per conseguire, presso la Facoltà Teologica dell’Italia Settentrionale a Milano, prima la Licenza e poi il Dottorato in Teologia, facendo riferimento, pastoralmente, alla comunità di San Martino in Novara quale vicario parrocchiale dal 1982 al 1984, insegnando nel frattempo Metodologia teologica in Seminario.

Mons. Bonzani con Papa Francesco

 Tornato in Uruguay, sarà vicario nella parrocchia di ‘Nostra Signora del Carmen’ dal 1986 al 1987, per poi divenire parroco della ‘Stella Maris de Carrasco’ e, successivamente, della ‘Madonna del Perpetuo Soccorso’ di Tapes dal 1992 al 1999. Diverrà nel contempo, dal 1987, Docente e Responsabile dell’Istituto di Scienze Religiose della diocesi e, successivamente, Docente di Teologia Dogmatica e Rettore della Facoltà di Teologia dell’Uruguay ‘mons. Mariano Soler’ per due mandati dal 2008 al 2016. Sempre dal 2008 assumerà la responsabilità di Vicario episcopale per i Laici e la Famiglia.

Il cordoglio delle sue due comunità ecclesiali

«Don Antonio – ha ricordato il card. Daniel F. Sturla, arcivescovo di Montevideo – ci ha lasciati improvvisamente, dopo aver seminato sorrisi e sapienza, con pazienza e generosità. Rendiamo grazie per la sua feconda vita sacerdotale e per il suo servizio alla nostra Chiesa. Preghiamo per il tuo riposo insieme al Signore».

«Siamo vicini alle sorelle e al fratello – scrive Il vicario episcopale per il clero e la vita consacrata don Franco Giudice, che in una nota diffusa nella mattina di sabato 6 aprile ha annunciato la scomparsa del missionario alla diocesi –  in questo momento di sofferenza e domandiamo nella preghiera che sia il Signore a ricompensarlo per il bene svolto, nell’insegnamento e nella attività pastorale, a favore della Chiesa universale».

Condividi su

Leggi anche

Diocesi

Campi scuola diocesani, insieme per creare casa

Redazione

Ettore Ventrella, Antonio Leopardi e Claudio Miceli
il POPOLO dell'OSSOLA

Scuole a Domodossola, no del Pd all’istituto unico: meglio farne 2 da 800 alunni

Mary Borri