Condividi su

L’Ambulatorio di Pronta Accoglienza, ospitato nei locali dell’ex Monastero delle Suore Orsoline di proprietà della Fondazione Opera Pia Diana, che si occupa dell’assistenza sanitaria alle persone bisognose è l’altro importante caposaldo, in collaborazione con il Centro di ascolto – Caritas, sul fronte della solidarietà cittadina.

Nel 2023, sono state registrate 983 presenze, tra adulti e bambini, che hanno usufruito gratuitamente di prestazioni mediche e della prescrizione di farmaci. Questo dato registra un aumento del 50% degli accessi rispetto all’anno precedente. La fascia di utenza è formata per il 70% da cittadini di origine straniera e per il restante 30% di italiani. Sono soprattutto le donne, con una percentuale del 64%, che chiedono assistenza.

All’ambulatorio prestano la loro opera 29 volontari tra medici, personale sanitario e non sanitario, così distribuiti: sette medici effettivi e cinque che intervengono al bisogno. Sono coperte quasi tutte le specialità: endocrinologia, nefrologia, cardiologia, pediatria, chirurgia, psicoterapia, pediatria, ginecologia, oculistica ed odontoiatria. Tra il personale sanitario ci sono due ostetriche, sette infermieri ed un chimico farmacista, mentre il personale non sanitario è formato da sette persone.
Oltre al sostegno alle persone malate in condizioni di indigenza, gli operatori sono molto attivi per promuovere la prevenzione e l’educazione sanitaria.

L’articolo integrale con le altre notizie dai territori della Diocesi di Novara si possono trovare sul nostro settimanale, in edicola a partire da venerdì 1° febbraio. Il settimanale si può leggere anche online, abbonandosi o acquistando il numero cliccando direttamente qui.

Condividi su

Leggi anche

lasciti testamentari fondazione comunitaria novarese
l'AZIONE

Lasciti testamentari solidali, la campagna della Fondazione Comunità Novarese

Luca Brigada