Condividi su

“Spero che i miei capelli possano trasmetterti tutta la mia forza. E che la tua parrucca possa ricordarti ogni giorno che non sei sola in questa battaglia. Stringi la mia mano, sono accanto a te”. È solo uno dei tanti pensieri lasciati da coloro, molti sono bambini (come Cristina di 11 anni e Zehira di 14), che hanno donato i propri capelli per dare vita a capigliature messe a disposizione delle pazienti oncologiche in terapia che ne fanno richiesta, a Novara.

Il progetto è quello della “Banca della Parrucca”, sostenuto dalla Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori Lilt. L’iniziativa, avviata nel 2018, complice i rallentamenti legati al Covid, è stata presentata ufficialmente ora in occasione della donazione di 40 parrucche proprio dall’associazione guidata da Giuseppina Gambaro. «La Banca – dice quest’ultima – evidenzia significativi benefici nelle pazienti», in particolare dal punto di vista psicologico.

«Le molte ciocche di capelli ricevute in dono da donne, ma anche da uomini e da bambini – spiega Gambaro – vengono mandate a un laboratorio qualificato e convenzionato che, in cambio di 3 chili di capelli, ci regala una parrucca. Così recuperiamo parrucche nuove, tanto naturali quanto sintetiche, per le pazienti oncologiche. Molte, tra l’altro, vengono donate anche da loro».

Lilt e l’Oncologia dell’ospedale – dove è stata presentata l’iniziativa – oltre a distribuirle in comodato d’uso gratuito, ricevono anche donazioni di parrucche. Queste vengono sanificate e …

Articolo completo e altri articoli e altri servizi si possono trovare sul nostro settimanale in edicola da venerdì 21 giugno. Il settimanale si può leggere abbonandosi o acquistando il numero che interessa cliccando qui

Condividi su

Leggi anche

l'AZIONE

Novara: si è insediato il Canelli bis

Marco Cito

Ellade
l'AZIONE

L’Ellade raccontata dal novarese Capuani per chi progetta un viaggio in Grecia

Monica Curino

l'AZIONE

Riccardi e Morosini i nuovi rinforzi del Novara

Marco Cito

Giochi
l'AZIONE

Giochi e riflessione ai campi scuola delle parrocchie di Novara (Sant’Agabio e San Martino)

Monica Curino