Condividi su

La Cardiologia dell’ospedale Maggiore di Novara ha promosso, a sostegno della salute della popolazione, il posizionamento di un defibrillatore automatico esterno (DAE). Sarà installato domenica 9 giugno alle ore 18,40 nella zona della Curia, a ridosso del Duomo.

«L’incidenza di arresto cardiaco improvviso – afferma il professor Giuseppe Patti, direttore del Dipartimento Toraco-Cardio-Vascolare e della Struttura di Cardiologia dell’Aou di Novara – cresce con l’aumentare dell’età. Tale incidenza è molto rara nell’età giovanile, ma diventa più rilevante nell’età media, in cui 0.5 individui su 100.000 di età tra i 50 e i 60 anni muoiono ogni anno di morte cardiaca improvvisa, ed ancora più elevata in caso di età superiore ai 70 anni (2/100000 soggetti/anno). L’arresto cardiaco improvviso ha una mortalità superiore al 90%, ein tal caso solo un intervento immediato con il defibrillatore può garantire la sopravvivenza».

Nella maggior parte dei casi, l’arresto cardiaco improvviso è causato da aritmie cardiache maggiori, come la fibrillazione ventricolare. In caso di fibrillazione ventricolare, il cuore non è in grado di battere regolarmente, perché gli impulsi elettrici che ne regolano la normale contrazione diventano caotici e irregolari: come risultato viene a mancare un adeguato apporto di sangue al cervello e agli altri organi.

In assenza di un immediato intervento, questa condizione può portare al decesso nell’arco di pochi minuti. La defibrillazione, ovvero l’erogazione di uno shock elettrico al paziente, è l’unica terapia in grado di interrompere le aritmie ventricolari maggiori, ma, per massimizzare le probabilità di salvare la persona, è necessario che venga eseguita nei primissimi minuti dall’insorgenza dell’evento: per ogni minuto che passa, infatti, le possibilità di sopravvivenza diminuiscono del 10%.

La disponibilità di un DAE rende questo intervento rapido e precoce, in modo da aumentare la probabilità di salvare la vita ai soggetti con arresto cardiaco improvviso.

Altri articoli e altri servizi sul nostro settimanale in edicola da venerdì 7. Il settimanale si può leggere abbonandosi o acquistando il numero che interessa direttamente qui

Condividi su

Leggi anche

l'AZIONE

Da Novara a Parigi per respirare l’aria Olimpica

Marco Cito

Fondo Cometa
l'AZIONE

Nasce il Fondo Cometa, a Novara, per sostenere la sanità

Monica Curino

l'AZIONE

Il Novara in ritiro, Gattuso: «Creare un gruppo solido»

Marco Cito

Unione
l'AZIONE

L’Unione Ciechi Novara ora ha a disposizione una fotocamera digitale avanzata

Monica Curino