Condividi su

In un contesto, in cui si aggrava il generale processo di impoverimento della nostra società, il Centro di Ascolto della Caritas parrocchiale ospitato nei locali dell’ex Monastero delle Suore Orsoline di proprietà della Fondazione Opera Pia Diana diventa un punto di riferimento fondamentale per l’assistenza di tutti coloro che versano in condizioni di indigenza.

In base ai dati forniti dal Progetto Matriosca dell’Osservatorio Piemonte, nel 2023, infatti, sono state 173 le famiglie sostenute, il 74% in più rispetto al 2022, a cui si aggiungono 118 persone incontrate per colloqui e 55 che hanno richiesto un solo servizio. In tutto sono stati effettuati 255 interventi. L’attività di assistenza si concretizza soprattutto nella distribuzione di indumenti, prodotti per neonati, mobili, giocattoli e buoni spesa per far fronte alle emergenze dell’ultimo minuto, nell’eventualità di persone rimaste senza niente da mangiare e per la difficoltà del Banco Alimentare a soddisfare la richiesta di alimenti.

A questo si aggiunge anche il pagamento delle utenze, che viene effettuato direttamente dagli operatori del Centro, in modo che ogni versamento possa essere tracciabile, in un contesto di massima trasparenza. L’utenza delle persone che si rivolgono al Centro di ascolto per chiedere assistenza è formata per la maggioranza da cittadini italiani, in sensibile aumento, soprattutto in questi ultimi anni, rispetto agli stranieri.

L’articolo con le altre notizie dai territori della Diocesi di Novara si possono trovare sul nostro settimanale, in edicola a partire da venerdì 23 febbraio. Il settimanale si può leggere anche online, abbonandosi o acquistando il numero cliccando direttamente qui.

Condividi su

Leggi anche

lasciti testamentari fondazione comunitaria novarese
l'AZIONE

Lasciti testamentari solidali, la campagna della Fondazione Comunità Novarese

Luca Brigada