Condividi su

L’esenzione del pagamento dell’occupazione del suolo pubblico per le aziende che gestiscono le colonnine di ricarica per i veicoli elettrici “accende” il Consiglio comunale di Novara.
In discussione, nell’ultimo punto del giorno del Consiglio, alcune modifiche al Regolamento che disciplina il canone unico patrimoniale riguardante la pubblicità e l’occupazione del suolo pubblico.
La polemica è scoppiata da parte della minoranza per la misura che entrerà in vigore dal 1° gennaio 2025.

Il nuovo testo contiene alcune modifiche, una delle quali recepisce una normativa statale del 2020.
L’assessore al Bilancio Silvana Moscatelli ha spiegato la possibilità di esentare le ditte che distribuiscono e vendono l’energia per le colonnine elettriche installate.
Per le colonnine di ricarica delle auto elettriche le perplessità non sono mancate.

Dopo un paio di sospensioni, l’ottenimento del parere favorevole da parte degli uffici, è stata raggiunta l’intesa dopo l’inserimento di un emendamento basato sulla «concessione del non pagamento del canone di occupazione a fronte della dimostrazione da parte del distributore che l’energia provenga da fonti rinnovabili e non fossili».

Articolo completo e altre notizie si possono trovare, con altri approfondimenti dai territori della Diocesi di Novara, sul nostro settimanale, in edicola a partire da venerdì 31 maggio. Il settimanale si può leggere anche online, abbonandosi o acquistando il numero cliccando direttamente sopra qui.

Condividi su

Leggi anche

l'AZIONE

Novara: si è insediato il Canelli bis

Marco Cito

Ellade
l'AZIONE

L’Ellade raccontata dal novarese Capuani per chi progetta un viaggio in Grecia

Monica Curino

l'AZIONE

Riccardi e Morosini i nuovi rinforzi del Novara

Marco Cito

Giochi
l'AZIONE

Giochi e riflessione ai campi scuola delle parrocchie di Novara (Sant’Agabio e San Martino)

Monica Curino