Condividi su

Il primo gesto di Sergio Mattarella davanti alla tragedia del naufragio sulle coste della Calabria ha avuto l’eloquenza della preghiera silenziosa davanti alle bare delle vittime e della visita senza dichiarazioni all’Ospedale in cui erano ricoverati soprattutto bambini. 

Ha testimoniato lo sgomento, il dolore e perfino la vergogna per non essere riusciti a salvare i profughi dalla guerra e dal terremoto che ha provato la stragrande maggioranza degli italiani, senza distinzioni politiche una volta tanto.

Il lunedì successivo è venuto il momento delle parole chiare e nette nella prolusione che ha tenuto all’Università della Basilicata. 

Senza polemiche dirette ha riportato tutti alla realtà umana della vicenda del naufragio e ha chiesto che il cordoglio si traduca in scelte operative di responsabilità dell’Italia e dell’Europa.

Ancora una volta il Presidente ha svolto il ruolo che gli affida la Costituzione di garante di una democrazia i cui Costituenti avevano conosciuto personalmente la condizione del profugo,della guerra e della violazione dei diritti umani.

La sobrietà, i toni pacati ma fermi, la capacità di volare alto sulle esigenze della politica impeccabile spesso solo nell’arte dello scaricabile, il richiamo continuo ed instancabile ai fondamenti morali della nostra stessa convivenza come la centralità della persona umana, sono ancora una volta la cifra della presidenza di Mattarella a cui guardano con fiducia e gratitudine gli italiani spesso stanchi e disorientati da un dibattito politico volgare e inconcludente. La speranza ancora una volta è che questo monito non cada nel vuoto ma sia raccolto oltre le naturali divisioni tra governo ed opposizione.

Pier Luigi Tolardo

Pier Luigi Tolardo

Condividi su

Leggi anche

Foto di Alessandro Visconti
Editoriali

La pioggia e il freddo portano l’apicultura prossima al collasso

Gianfranco Quaglia

Editoriali

Un premio al radicamento, alla moderazione e stabilità

Pier Luigi Tolardo

voto
Editoriali

Votare è un diritto prima che un dovere

Lorenzo Del Boca

Giovani in cammino dopo la Messa con il Papa a Lisbona (Foto Siciliani - Gennari/SIR)
Diocesi

Cari ragazzi, con Cristo siete davvero liberi!

Gianluca De Marco