Condividi su

A Crodo sono già iniziati i preparativi e gli allestimenti per l’8a edizione di Presepi sull’acqua.
Saranno come sempre numerose e curatissime nei particolari le nuove installazioni artigianali, fra tradizione e sperimentazione, di Presepi sull’acqua. Tutte avranno un comune denominatore: l’acqua di fontane, di antichi lavatoi e di rii. Una ricetta semplice e vincente, che nelle passate edizioni ha richiamato un pubblico numerosissimo alla scoperta del territorio di Crodo e delle sue caratteristiche frazioni. L’evento è in programma dal 3 dicembre 2022 all’8 gennaio 2023.
Una nuova edizione fortemente voluta dal Comune di Crodo, che la organizza, grazie alla grande e preziosa dedizione ed entusiasmo di volontari e con la collaborazione dell’Ente di Gestione delle Aree Protette dell’Ossola.
Per l’edizione di quest’anno l’amministrazione Crodese ha anche voluto confermare un gemellaggio con la manifestazione “Terninpresepe”, in programma da dicembre, nel cuore dell’Umbria.
I tanti creativi allestitori promettono di stupire anche in questa ottava edizione.
Piccole Natività minimaliste si alterneranno a imponenti presepi, frutto di grande maestria, e realizzati spesso con gli elementi naturali offerti dal medesimo territorio ossolano.
Crodo e le sue frazioni ospiteranno un percorso di magia ed emozioni tra quasi sessanta presepi. Un evento che si trasforma in un’originale riscoperta di un territorio in cui i paesaggi incontaminati si fondono con le architetture tipiche alpine. Il percorso sarà sempre fruibile, di giorno e di sera, quando le luci dei presepi renderanno ancor più carica di suggestione questa esperienza, lungo strade, sentieri e mulattiere che portano dai 500 metri di altitudine di Crodo ai 1200 metri della frazione più alta: l’alpe Foppiano.

Condividi su

Leggi anche

manifestazione contro la guerra in ucraina sir
il POPOLO dell'OSSOLA

Flash mob a Domodossola per dire basta alle guerre in Ucraina e nella Terra Santa

Elisa Pozzoli

l'INFORMATORE

A Borgomanero anteprima di “Oltre il buio”, cortometraggio tra disabilità e speranza

Redazione