Condividi su

“Giornata del Volontario” nell’Aula Magna dell’ospedale Maggiore, a Novara. A promuovere l’appuntamento, evento a carattere divulgativo e di formazione dedicato ai volontari, è stata l’Associazione Volontari Ospedalieri, attiva a Novara dal 1980.

Obiettivo della mattinata, come spiegato dalla presidente Danila Finzi, anche «approfondire la mission e il servizio assolutamente gratuito dei Camici Azzurri». La mattinata si è aperta dopo i saluti istituzionali portati dal direttore generale del Maggiore, Gianfranco Zulian, che ha ringraziato i volontari Avo che, con una discreta presenza accanto ai malati, collaborano con il personale sanitario e ne integrano le mansioni senza mai sostituirsi a loro.

Gli argomenti trattati durante la Giornata sono stati approfondimenti sulla malattia di Alzheimer e la possibile prevenzione nell’invecchiamento, a cura di Associazione Malati di Alzheimer con il geriatra Aldo Biolcati e la presidente dell’associazione, Maria Bocca. Hanno parlato del declino cognitivo, un evento soggettivo diverso da persona a persona, e dell’intrattenimento come forma di terapia. Sottolineata anche l’importanza della prevenzione, di un corretto stile di vita e del mantenimento di interessi e di relazioni sociali nell’invecchiamento. È seguito l’intervento di Lorella Perugini, direttrice della Struttura semplice di servizio sociale professionale aziendale in line alla Direzione generale.

Articolo completo e altre notizie si possono trovare, con altri approfondimenti dai territori della Diocesi di Novara, sul nostro settimanale, in edicola a partire da venerdì 31 maggio. Il settimanale si può leggere anche online, abbonandosi o acquistando il numero cliccando direttamente sopra qui.

Condividi su

Leggi anche

l'AZIONE

Da Novara a Parigi per respirare l’aria Olimpica

Marco Cito

Fondo Cometa
l'AZIONE

Nasce il Fondo Cometa, a Novara, per sostenere la sanità

Monica Curino

l'AZIONE

Il Novara in ritiro, Gattuso: «Creare un gruppo solido»

Marco Cito

Unione
l'AZIONE

L’Unione Ciechi Novara ora ha a disposizione una fotocamera digitale avanzata

Monica Curino