Condividi su

I Sacri Monti del Piemonte e della Lombardia intendono per il futuro puntare di più sulla promozione per cercare di offrire nuove proposte ai visitatori che amano la natura, il paesaggio, la spiritualità e la contemplazione.

Il convegno svoltosi a Domodossola dal tema “I Sacri Monti di Piemonte e Lombardia a vent’anni dal riconoscimento Unesco” è servito a rafforzare e promuovere il dialogo non solo fra gli enti delle due Regioni, ma anche con il segretariato dell’Unesco del Ministero della Cultura.

«C’è stato un grandissimo lavoro di conservazione e di restauro – ha detto alla conclusione dei lavori la presidente dei Sacri Monti del Piemonte Francesca Giordano – quello che magari è mancato è una sorta di promozione dei luoghi stessi che trovano una nuova fruizione grazie a dei sistemi di accoglienza che siamo riusciti a creare e che ora hanno bisogno di essere strutturati».

«Bisogna dare una nuova proposta divulgativa – ha proseguito Giordano – per valorizzare la loro importanza dal punto di vista storico, religioso e sociale. Servono nuove strategie per il futuro. Abbiamo scelto Domodossola per il convegno, grazie al dialogo che si è aperto in modo proficuo con il Comune, con i Padri Rosminiani e con i musei civici».

Servizio completo su il Popolo in edicola da questo venerdì 24 novembre o scaricabile digitalmente da qui.

Condividi su

Leggi anche

Ettore Ventrella, Antonio Leopardi e Claudio Miceli
il POPOLO dell'OSSOLA

Scuole a Domodossola, no del Pd all’istituto unico: meglio farne 2 da 800 alunni

Mary Borri

il POPOLO dell'OSSOLA

Il bel tempo “aiuta” i saldi d’estate in Ossola portando i turisti e i clienti svizzeri

Redazione