Condividi su

La tensostruttura all’interno del complesso scolastico della “Pier Lombardo” che ospiterà la Ginnastica Libertas Novara «si farà».
Non sono andati via contenti i residenti di via Magalotti, viale Allegra e via Galvani che hanno protestato per la sua realizzazione firmando una petizione (sono 154 coloro che hanno aderito al momento). «Il progetto si farà – conferma l’assessore allo Sport Ivan De Grandis – Mi spiace che non avete una visione che corrisponde alla realtà dei fatti. Il progetto è passato in giunta, il Consiglio ha approvato la piccola variante e, ora, partirà a breve la gara d’appalto». Un “pallone” alto 7 metri, che avrebbe dovuto essere , almeno nelle idee iniziali, collocato nell’area verde tra via Fara e via dei Carbonari. In quel caso ci fu una protesta dei cittadini della zona con 1000 firme raccolte. «Deve essere chiaro che il problema non è la palestra che rappresenta comunque un bene per la città ma la sua locazione» ha detto il rappresentante del comitato che ha raccolto 154 firme Giuliano Subani.

L’articolo con altri approfondimenti dai territori della Diocesi di Novara, sul nostro settimanale, in edicola a partire da venerdì 14 giugno. Il settimanale si può leggere anche online, abbonandosi o acquistando il numero cliccando direttamente sopra qui.

Condividi su

Leggi anche

l'AZIONE

Da Novara a Parigi per respirare l’aria Olimpica

Marco Cito

Fondo Cometa
l'AZIONE

Nasce il Fondo Cometa, a Novara, per sostenere la sanità

Monica Curino

l'AZIONE

Il Novara in ritiro, Gattuso: «Creare un gruppo solido»

Marco Cito

Unione
l'AZIONE

L’Unione Ciechi Novara ora ha a disposizione una fotocamera digitale avanzata

Monica Curino