Condividi su

L’eccitazione per i quarant’anni di Venerdì Santo a Quarona cresce sempre di più. Mentre gli attori si dedicano con impegno sovrumano alle prove vengono già allestiti i palcoscenici dove si svolgeranno le scene della prima parte della Passione di Cristo, che rispetto al passato vantano ad oggi una superiore scenografia realizzata grazie a moderne tecnologie a led.

Il momento culminante della serata, come sempre, non sarà tuttavia nel centro abitato ma presso la chiesa di San Giovanni al Monte, antichissima chiesa decorata da meravigliosi affreschi plurisecolari che farà da sfondo al momento drammatico della Crocefissione.

«Si sta creando un’atmosfera particolare, avvolgente, che mi sta facendo quasi dimenticare i problemi della vita – racconta Ugo Zanella, vicepresidente del sodalizio – Questo è un periodo dell’anno che amo molto. La gente che mi contatta, che mi chiede informazioni, ho già gli occhi lucidi. E poi vedere il grande impegno che i miei ragazzi ci stanno mettendo per questa nostra Passione è qualcosa di unico».

L’articolo integrale e l’intervista a Manuela Langhi, con le altre notizie dai territori della Diocesi di Novara si possono trovare sul nostro settimanale, in edicola a partire da venerdì 15 marzo. Il settimanale si può leggere anche online, abbonandosi o acquistando il numero cliccando direttamente qui.

Condividi su

Leggi anche

il MONTE ROSA

Le donne valsesiane che la storia non può dimenticare

Lorenzo Del Boca

il MONTE ROSA

Dopo 50 anni Cravagliana è tornata la statua del Santo

Lorenzo Maria Colombo

Un gruppo di volontari valsesiani a Roma
il MONTE ROSA

La Croce Rossa e Papa Francesco, i volontari dalla Valsesia a Roma

Redazione

il MONTE ROSA

Borgosesia punta sul robot ortopedico e attirerà pazienti anche da fuori regione

Roberto Conti