Condividi su

La Struttura di Oftalmologia dell’ospedale Maggiore di Novara è all’avanguardia in Italia grazie all’impiego di una piattaforma innovativa di visualizzazione completamente digitale, un microscopio unico nel suo genere e in dotazione esclusivamente all’AOU per la chirurgia oculare.

«Questa tecnologia di ultima generazione – afferma il professor Stefano De Cillà, Direttore della Struttura dell’ospedale novarese – consente una elaborazione dei dettagli che, unitamente ad una visione 3D, semplifica l’atto chirurgico. Consente inoltre la condivisione in real time di tutti gli step operatori, utili soprattutto per il training del personale in formazione: fatto molto importante anche per la recente apertura della scuola di specializzazione».

Spiega ancora De Cillà: «Ci sono poi vantaggi dovuti all’impiego di speciali filtri e alla possibilità di utilizzo di diverse lunghezze d’onda (luce) che possono ridurre l’uso dei coloranti tissutali. Inoltre a breve la tecnologia verrà implementata con la tomografia a coerenza ottica che consentirà, durante l’intervento chirurgico, di discriminare tra i diversi tipi di membrane epiretiniche e membrane proprie del tessuto retinico e verificare in real time l’avvenuta asportazione chirurgica di tali membrane dimostrando il buon esito tecnico dell’intervento».

Altri articoli come altri servizi si possono trovare sul nostro settimanale in edicola a partire da venerdì 14 giugno. Il settimanale si può leggere abbonandosi o acquistando il numero che interessa direttamente cliccando qui

Condividi su

Leggi anche

l'AZIONE

Novara: si è insediato il Canelli bis

Marco Cito

Ellade
l'AZIONE

L’Ellade raccontata dal novarese Capuani per chi progetta un viaggio in Grecia

Monica Curino

l'AZIONE

Riccardi e Morosini i nuovi rinforzi del Novara

Marco Cito

Giochi
l'AZIONE

Giochi e riflessione ai campi scuola delle parrocchie di Novara (Sant’Agabio e San Martino)

Monica Curino