Condividi su

Parrocchiani, ex oratoriani, ex allievi dell’Istituto San Luigi, suore di Maria Ausiliatrice, amici e devoti di don Bosco: in tanti domenica 28 gennaio al santuario Maria Ausiliatrice di Intra hanno partecipato alla solenne celebrazione eucaristica in occasione della festa di san Giovanni Bosco e nell’anniversario dei 200 anni del “Sogno fatto all’età di nove anni”.

Il parroco don Enrico Zeroli rivolgendo un cordiale saluto ha ricordato come «la presenza qui oggi di tutti noi è la conferma della validità dello stile impresso da don Bosco alla sua opera: “fare dei giovani buoni cristiani e onesti cittadini”. Abbiamo ormai alle spalle quel tempo che oso definire intenso e glorioso, un tempo che ha segnato la nostra vita, l’ha plasmata. Tutto è merito di coloro che hanno continuato l’opera di don Bosco: i Salesiani e le Figlie di Maria Ausiliatrice.

È venuto poi il tempo in cui le istituzioni, anche quelle gestite dai religiosi, hanno dovuto accogliere nuove istanze e nuove impostazioni. Con tutto ciò, lo spero, non sono venuti meno in noi la speranza in un futuro “positivo”, il nostro serio impegno per accogliere innovazioni e il coraggio di percorrere strade nuove».

L’articolo integrale con la galleria fotografica delle celebrazioni sul nostro settimanale in edicola venerdì 2 febbraio con gli approfondimenti e altre notizie dal territorio. Il settimanale nelle edizioni Il Verbano, Il Popolo dell’Ossola, L’informatore del Cusio si può leggere abbonandosi o acquistando il numero che interessa direttamente qui.

Condividi su

Leggi anche

Albertella, al centro, durante la prima seduta del consiglio
il VERBANO

Il governo Albertella a Verbania parte tra cortesie e polemiche

Redazione

il VERBANO

Il commercio verbanese vuole certezze sui lavori di piazza Ranzon

Maria Elisa Gualandris

https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/1/19/Isola_di_San_Giulio_%289182453906%29.jpg
Diocesi
l'INFORMATORE

È morto don Giacomo, storico cappellano dell’Isola di San Giulio. Il ricordo della comunità Mater Ecclesiae

Andrea Gilardoni