Condividi su

Non sarà l’intelligenza artificiale a condizionare il nostro futuro e il mondo del lavoro. A patto che gli uomini, anzi “gli esseri umani” siano in grado di progettare la IA al loro servizio. Pone l’accento su “esseri umani” la professoressa di Digital Ethics and Defence Technologies dell’Università di Oxford, Mariarosaria Taddeo, “cervello” Made in Italy, per ricordare che sull’intelligenza artificiale ha qualcosa da dire anche l’universo femminile.

E lo pronuncia a chiare lettere in uno dei “santuari” della tecnologia, all’Amazon Operation Innovation Lab di Vercelli, dove persone e robot e l’industria 5-0 dialogano ogni giorno. Gianni Filippa, presidente di Confindustria Novara-Vercelli-Valsesia, ha scelto questa sede per l’assemblea generale degli iscritti. Un momento per contarsi, confrontarsi e guardare al futuro. E ha voluto che l’argomento dell’anno fosse centrato proprio sull’intelligenza artificiale, le prospettive, i rischi. L’etica, appunto, innazitutto. “Che dovrà essere presente a monte – aggiunge Taddeo – quando si progetta l’intelligenza artificiale. Facendo le scelte giuste, affinché non vada a discapito degli esseri umani”.

“Tema centrale, ricorrente nella storia. – ha sottolineato Filippa – Che merita una riflessione, per concentrarsi sull’umanizzazione della tecnologia e sulla creazione di un futuro, non soltanto del lavoro, sempre più digitale, che rispetta e valorizza le persone con l’obiettivo di migliorare il benessere e la qualità della vita”.

L’articolo integrale con altri approfondimenti dai territori della Diocesi di Novara, sul nostro settimanale, in edicola a partire da venerdì 28 giugno. Il settimanale si può leggere anche online, abbonandosi o acquistando il numero cliccando direttamente sopra qui.

Condividi su

Leggi anche

In Primo Piano
l'AZIONE

130mila euro per 5 progetti di restauro di beni culturali del territorio da Fondazione Comunità Novarese

Redazione

Diocesi

«La speranza non delude!». Lettera del vescovo alla diocesi per il Giubileo 2025

Franco Giulio Brambilla

Inside Out
In Primo Piano

Fondazione Carolina: l’ansia di successo spiega la popolarità di Inside Out 2

Fondazione Carolina