Condividi su

Mille iscritti e 95 corsi proposti, che spaziano dall’agricoltura all’astronomia, passando per il bricolage, il cinema, il disegno, l’economia, la fotografia ma anche gli scacchi, la storia e tantissimo altro.

Senza contare poi conferenze, mostre, concerti e visite d’istruzione. Sono i numeri registrati e le attività
che offre il nuovo anno accademico, il 2023-2024, dell’Università della Terza Età di Novara, da qualche anno presieduta da Paola Turchelli.

Un anno che prevede l’avvio delle lezioni il 7 novembre, e che l’altra sera ha visto, all’Arengo del Broletto, la cerimonia di apertura con la prolusione di Domenico Quirico, inviato di guerra ed editorialista.

Il giornalista è intervenuto a partire dal tema “Fronte del Sud, le guerre per l’Africa”. In dialogo con lui, Gianfranco Quaglia.

«Mettiamo a disposizione – spiega la presidente – corsi di discipline molto diverse. Andiamo dall’area scientifica a quella economica, dalla psicologia all’informatica e alle lingue straniere. E poi storia antica e contemporanea, letterature antiche, arte. Proposte davvero per ogni tipo di passione e interesse e che consentono ai partecipanti di arricchire il proprio bagaglio di conoscenze. Proponiamo anche numerose conferenze. Alcuni incontri- aggiunge Turchelli – sono a cura di “Specchio dei tempi” de La Stampa».

I corsi, rispetto all’anno accademico scorso, sono cresciuti di 10 unità.

Servizio completo sull’Università della Terza Età e altri approfondimenti si possono trovare sul nostro settimanale in edicola a partire da venerdì 27 ottobre e disponibile direttamente anche online.

Condividi su

Leggi anche

Diocesi
l'AZIONE

Patto per governare le nuove tecnologie, entra nel vivo Passio 2024

Monica Curino

4,7 milioni di euro per lo sviluppo di 41 Comuni del Novarese
l'AZIONE

4,7 milioni di euro per 41 lo sviluppo di Comuni del Novarese

Marco Cito

Giustizia
l'AZIONE

Percorso sulla giustizia riparativa al via a Novara

Monica Curino