Condividi su

Settant’anni di Villaggio Dalmazia: un luogo che ha accolto esuli fuggiti da Istria, Fiume e Dalmazia. La prima pietra fu posata il 3 ottobre 1954. Un anniversario che Novara ha deciso di celebrare con molti eventi. Da febbraio, per il “Giorno del Ricordo” del 10, che commemora i massacri delle foibe e dell’esodo giuliano dalmata, sino a ottobre.

A collaborare agli appuntamenti tanti attori, dal Consiglio regionale del Piemonte con il Comitato Resistenza e Costituzione all’Istituto Storico della Resistenza Piero Fornara sino alla parrocchia Sacra Famiglia e alla sezione novarese dell’associazione nazionale Venezia Giulia e Dalmazia (Anvgd).

E ancora Provincia, Comune e Fondazione Castello.

Tra chi ha vissuto quei primi anni di Villaggio Dalmazia c’è il presidente dell’Anvgd, Flavio Lenaz: «sono giunto a Novara in fasce. Siamo stati un po’ alla caserma Perrone. Poi al Villaggio, dove sono da 70 anni e dove abbiamo trovato una grande famiglia con gli stessi interessi. Abbiamo sempre cercato di portare avanti la nostra storia, che per molti anni è stata dimenticata e che i nostri genitori non raccontavano, perché venivano accusati di essere fascisti. Per noi bambini la Perrone era un enorme asilo, per i nostri
genitori sofferenza. Si viveva tra tende e divisori».

Passando alle iniziative la prima è fissata al 3 febbraio, alle 10,30, «quando, al Castello, sarà inaugurata la mostra “Giorno del ricordo conoscere per ricordare”, che promuoviamo con l’Istituto storico». Una mostra che, curata da Antonio Leone, è a ingresso libero e resterà aperta sino al 18 febbraio.

Altri servizi come altri articoli e altre notizie che provengono anche dai restanti territori della Diocesi di Novara si possono trovare sul nostro settimanale, in edicola a partire da venerdì 2 febbraio. Il settimanale si può leggere anche online, abbonandosi o acquistando il numero cliccando direttamente sopra a qui

Condividi su

Leggi anche

Volontari
l'AZIONE

Tre volontari della Novara Soccorso aiutano a nascere un bebè

Monica Curino

l'AZIONE

Novara: si è insediato il Canelli bis

Marco Cito

Ellade
l'AZIONE

L’Ellade raccontata dal novarese Capuani per chi progetta un viaggio in Grecia

Monica Curino

l'AZIONE

Riccardi e Morosini i nuovi rinforzi del Novara

Marco Cito