Condividi su

Ora è sconsacrata e non più adibita al culto, ma un tempo era il luogo dove i pazienti ricoverati all’ospedale psichiatrico, a Novara, trovavano conforto: la loro sola attività d’inclusione. È la chiesa posta all’interno dell’area di viale Roma 7, che da una decina di anni non è più in funzione.
Adesso, sabato 22 giugno, alle 18, grazie alla Delegazione Fai cittadina, i novaresi potranno visitarla e scoprirne ogni segreto. Uno storico edificio, una parte importante del capoluogo, che, per l’occasione, apre le sue porte al pubblico. Terminata la visita gli ospiti potranno gustarsi un aperitivo nel giardino della struttura dell’Asl, che ora è proprietaria di tutta la zona. L’evento è proprio organizzato con il patrocinio dell’Azienda Sanitaria Locale.

La cappella, durante l’apertura dell’allora manicomio, rappresentava un luogo di scambio e integrazione e un punto di congiunzione con il mondo esterno. Era chiaro come, anche per le persone che vivevano una sofferenza psichica, fosse importante usufruire dei servizi del territorio, compresi quelli religiosi, evitando quell’isolamento determinato dalle pareti dell’ospedale. La chiesa era il solo luogo in cui i pazienti potessero vivere emozioni, preghiere, speranze, ricordi.

Obiettivo della visita, «far conoscere la bellezza dell’edificio dal punto di vista artistico ma anche e soprattutto – spiega Angelo Penna, direttore generale dell’Asl – il suo valore simbolico per il ruolo che ha avuto nella storia della città». «L’intento – aggiunge Matteo Caporusso, presidente Fai Novara e Valsesia – è quello di poter valorizzare questo edificio celato con appuntamenti culturali ad hoc. La chiesa è già stata oggetto della nostra attenzione grazie ai “Luoghi del Cuore”».

Per partecipare alla visita – la prenotazione è consigliata – è previsto un contributo minimo di 15 euro, mentre per gli iscritti FAI di 12 euro: l’intero incasso sarà devoluto al Fondo per l’Ambiente Italiano.

Articolo completo e altri servizi sul nostro settimanale in edicola da venerdì 14 giugno. Il settimanale si può leggere abbonandosi o acquistando il numero che interessa cliccando qui

Condividi su

Leggi anche

Volontari
l'AZIONE

Tre volontari della Novara Soccorso aiutano a nascere un bebè

Monica Curino

l'AZIONE

Novara: si è insediato il Canelli bis

Marco Cito

Ellade
l'AZIONE

L’Ellade raccontata dal novarese Capuani per chi progetta un viaggio in Grecia

Monica Curino

l'AZIONE

Riccardi e Morosini i nuovi rinforzi del Novara

Marco Cito