Condividi su

Anche le volontarie dell’Associazione Neo-N Neonati a rischio, che, da molti anni, si occupano dei bimbi nati prematuri e delle loro famiglie, hanno potuto finalmente tornare in reparto, all’ospedale Maggiore, a Novara.

Dal 2014, infatti, l’associazione guidata da Kosmè De Maria è attiva, con le sue volontarie, nel reparto di Terapia Intensiva Neonatale (Tin) dell’ospedale novarese. Un’attività portata avanti sempre con impegno ed entusiasmo e con tanti progetti a favore dei piccoli e delle loro famiglie.

Una presenza importante, fatta di aiuto, di ascolto, che, improvvisamente, la pandemia, nel 2020, aveva fermato. Adesso, dall’inizio di questa settimana, le volontarie Neo-N sono tornate nella Tin, a garantire quella presenza così utile a mamme e a papà e a tutti i bambini.

Le volontarie, su indicazione del personale sanitario, sono nel reparto a disposizione dei genitori. Quattro chiacchiere, un aiuto concreto nella gestione del piccolo, un sorriso scambiato, sono quei piccoli gesti che consentono di instaurare un importante rapporto e che fa sentire i genitori meno soli durante tutto il tempo, spesso lungo, della degenza del bambino.

Per diventare volontari della Tin occorre seguire un idoneo corso di formazione, della durata di un anno.

Articolo completo e altre notizie dai territori della Diocesi di Novara si possono trovare sul nostro settimanale, in edicola da venerdì 8 marzo. Il settimanale si può leggere anche online, abbonandosi o acquistando il numero cliccando direttamente sopra a qui

Condividi su

Leggi anche

Volontari
l'AZIONE

Tre volontari della Novara Soccorso aiutano a nascere un bebè

Monica Curino

l'AZIONE

Novara: si è insediato il Canelli bis

Marco Cito

Ellade
l'AZIONE

L’Ellade raccontata dal novarese Capuani per chi progetta un viaggio in Grecia

Monica Curino

l'AZIONE

Riccardi e Morosini i nuovi rinforzi del Novara

Marco Cito