Condividi su

Tra conferenze e passeggiate, il Borgomanerese è pronto a ricordare il 25 aprile.

Si inizia alle 21 di giovedì 18 aprile, nella sala polivalente in via Rossini 1 a Cureggio, con l’intervento della professoressa Antonella Braga su “Sempre resistenti. Serata dedicata a Gisella Floreanini”. Parleranno anche Alessandro Cosentino, Laura Crola e Fabiola Strim. L’iniziativa è del comune di Cureggio e dell’Anpi di Maggiora, Cureggio, Boca e Soriso.

Gisella Floreanini nacque a Milano nel 1906, dove sarebbe morta nel 1993. A soli quattro anni perse la madre e visse con il padre, commerciante, la nonna e la sorella minore. La crisi del 1929 portò l’impresa paterna al tracollo finanziario e Gisella, diplomata in Conservatorio, mantenne la famiglia insegnando pianoforte. Convinta antifascista, prese diversi nomi di battaglia quali “Falciatrice”, “Edvige” “Amelia Valli”. Nel 1938, fu costretta ad emigrare in Svizzera per aver diffuso stampa clandestina: la libertà di stampa era proibita. Svolse un ruolo nella Repubblica dell’Ossola, che durò dal 9 settembre al 23 ottobre 1944. Assunse l’incarico di Commissario di Governo dell’Ossola e ne fu anche Ministro, la prima donna in Italia (seppur nella Repubblica dell’Ossola) ad assumere un tale funzione e quando alle donne non era ancora concesso il diritto di voto. Si occupava del settore degli infortuni e riuscì ad avere il supporto della Croce Rossa e del Governo elvetico. Dopo il 1945, fece parte della Commissione per i danni di guerra, in cui contestò la mancanza di aiuti per i bambini. Medaglia d’Oro della Resistenza, fu eletta alla Camera dei deputati per due legislature tra il 1948 e il 1958, per il collegio Torino-Novara-Vercelli.

Le manifestazioni continueranno alle 17 di sabato 20 aprile con la consegna di copie della Costituzione ai neodiciottenni nella sala della Biblioteca di Boca. Alle 21 di mercoledì 24 aprile, alla Biblioteca comunale di Maggiora serata per conoscere Dante Strona. Giovedì 25 aprile, celebrazione ufficiale al Cippo del Bergallo. Alle 11.30 visita al museo Tam e al battistero di Cureggio. Alle 13 pranzo alla Campanella di Cascine Enea. Domenica 28 aprile, con partenza alle 14.30 dalla piazza di Cureggio, passeggiata sui sentieri della Resistenza con Angela Guglielmetti ed Elena Serrani.

L’articolo con le altre notizie dai territori della Diocesi di Novara si possono trovare sul nostro settimanale, in edicola a partire da venerdì 12 aprile. Il settimanale si può leggere anche online, abbonandosi o acquistando il numero cliccando direttamente qui.

Condividi su

Leggi anche

l'INFORMATORE

La Festa dei popoli a Borgomanero, per riflettere su chi ha fame e chi spreca cibo

Gianni Cometti

l'INFORMATORE

Il “ceppo” di corsa con le carriole attorno al campanile restaurato a Gozzano

Rocco Fornara

l'INFORMATORE

Nell’antica piazza della pieve di Cureggio il mercato della terra “Naturale!”

Gianni Cometti

l'INFORMATORE

Un pezzo di casa Bonomi al comune di Armeno

Maria Grazia Cereda