Condividi su

Forse è il momento buono per la Pedemontana Piemontese. Questa mattina infatti il Comitato interministeriale per la programmazione economica e lo sviluppo sostenibile (Cipess) ha dato il via libera al progetto definitivo che era in attesa da anni di questo passaggio fondamentale per la sua cantierizzazione.

L’opera è di grande rilevanza per il nostro territorio. È infatti destinata ad unire l’autostrada A26 Genova – Gravellona, partendo dall’abitato di Ghemme per arrivare a Biella

Sono previsti circa 385 milioni di euro per la realizzazione del primo lotto dell’opera che, una volta realizzata, garantirà il collegamento diretto di Biella. Secondo il progetto, come si legge sul sito della Regione Piemonte, «il tracciato di progetto è previsto a sud della SP142 storica, tra Masserano e Gattinara, diventato negli anni un collegamento arteriale con un basso livello di servizio andando a costituire un’alternativa alla SP 142 storica» ma dando una maggior funzionalità al trafficoe sia in termini di capacità che di velocità commerciale. La lunghezza sarà di 14 chilometri, su due corsie per senso di marcia

La Pedemontana Piemontese, nota anche come Masserano-Ghemme, era inserita nel Contratto di Programma 2016-2020 tra il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e ANAS ma per una serie di problematiche progettuali e burocratiche, i tempi si sono allungati.

«E’ un ulteriore passo verso la realizzazione di un’opera che il nostro territorio attente da tempo – confermano il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio e l’assessore ai Trasporti e Infrastrutture Marco Gabusi – Il Ministro Salvini aveva già annunciato a dicembre la propria disponibilità a finanziare l’infrastruttura e con la convocazione di questa mattina dimostriamo la determinazione di metterla a cantiere entro il 2024. Chiederemo ora ad Anas di procedere speditamente verso l’individuazione, tramite bando di gara, del soggetto che realizzerà i lavori per poter aprire al più presto uno dei cantieri più attesi in Piemonte».

Condividi su

Leggi anche

Europassione 2024
il MONTE ROSA

Europassione festeggia i suoi 20 anni e pensa a una Via Crucis a Gorizia

Claudio Andrea Klun

In Primo Piano

Il proposito di realizzare le case “green” rischia di mettere le famiglie in ginocchio

Redazione

il MONTE ROSA

Venti anni di EuroPassione a Romagnano da festeggiare progettando il futuro

Redazione

In Primo Piano

Le buone ragioni del voto per il futuro dell’Europa, incontro a Borgomanero

Redazione