Condividi su

Il lungolago di Arona è stato trasformato in set per la serie televisiva “La legge di Lidia Poët”, una produzione di Netflix, con Matilde De Angelis, ambientata nell’800 e giunta alla seconda stagione. Racconta della prima donna in Italia a entrare nell’Ordine degli Avvocati e le storie giudiziarie si sviluppano come gialli.

Tra piazza Alpini d’Italia e lungolago di Nassiriya erano in azione mezzi per le riprese, scenografi per l’adattamento delle immagini, operatori tv e via via. Sono state girate le scene utilizzando un piroscafo storico: il Piemonte, costruito nel 1902. Netflix ha creato un set blindato, in merito al quale non si possono svelare molti particolari.

Federico Monti, il sindaco, afferma: «Siamo orgogliosi che Arona sia stata scelta come set di una produzione importante, come era avvenuto tempo fa con una serie Tv tedesca. Questo avviene grazie a una convenzione stipulata da alcuni anni con “Film Commission Torino Piemonte”. Quindi possiamo dire che Arona è ancora una volta sotto i riflettori e attendiamo di vedere la serie sullo schermo. È un’opportunità per la città».

L’articolo integrale sul nostro settimanale in edicola venerdì 30 giugno gli approfondimenti e altre notizie dal territorio. Il settimanale nelle edizioni Il Sempione, Il Monte Rosa e L’Informatore può leggere abbonandosi o acquistando il numero che interessa direttamente qui

Condividi su

Leggi anche

libri lettura bambina
il SEMPIONE

La saggistica al femminile viene premiata a Lesa

Giulia Dusio

il SEMPIONE

Pericolo esondazione: chiusa la Statale 336 tra Varallo Pombia e Somma Lombardo

Marco Cito

Il municipio di Arona - Foto Emanuele Sandon
il SEMPIONE

Per la Rocca e il Sancarlone il Comune di Arona non decide da solo

Franco Filipetto

il SEMPIONE

A Dagnente è piaciuto il progetto su come restaurare il campanile

Franco Filipetto