Condividi su

Un’ottima primavera, poi un calo ad agosto, ma un autunno che può ancora regalare molte soddisfazioni in termini di presenze. Questo è un po’ il sentire comune degli operatori turistici lacustri sul finire dell’estate.

Non è chiaro il motivo del calo delle presenze di agosto, forse dovute in parte anche alla situazione di crisi economica in Germania e alla ripresa dei viaggi internazionali che l’anno scorso subivano ancora l’effetto post pandemico. Ci sarà tempo per l’analisi dettagliata a stagione finita, ma sicuramente le premesse per chiudere il bilancio in positivo ci sono tutte.

Così anche per i Giardini di Villa Taranto, uno dei luoghi del lago Maggiore più amati dai turisti. Secondo i primi dati, sono stati 150 mila i visitatori che dall’apertura del 12 marzo fino ad ora hanno visitato il parco. «Abbiamo fatto un’ottima primavera e così anche giugno e luglio – dice il direttore Roberto Ferrari. – C’è stato un calo ad agosto, che mi sembra il mese che ha registrato una flessione un po’ dappertutto. Ora speriamo che il tempo continui a essere clemente e quindi di recuperare a settembre e ottobre».

Condividi su

Leggi anche

Un momento della conferenza stampa di presentazione delle idroambulanze
il VERBANO

Due nuove nuove idroambulanze per intervenire in emergenza sul lago

Redazione

il VERBANO

Spazio per giocare nel cortile delle Rosminiane a Verbania

Sergio Ronchi

Il grattacielo della Regione Piemonte
In Primo Piano

Il “campo largo” si è ristretto, 5 stelle e Pd separati in casa

Roberto Conti