Condividi su

Baveno e la sua deliziosa Feriolo sono il naturale teatro di un nuovo modo di muoversi e stare bene, in compagnia e musica. La disciplina si chiama camminata metabolica ed a portarla sulle sponde bavenesi è Alessia Roveran, quarantaduenne, mamma di due figli.

«La mia passione – racconta Alessia – è nata nel novembre del 2021 quando mi avvicino a questa disciplina da allieva». Dopo un anno di pratica, capisce che le piacerebbe guidare altre persone «portarle ad allenarsi al parco, diffondendo il più possibile i benefici in benessere che questa disciplina offre».

L’occasione è capitata presto, da un annuncio su Facebook di Stefano Fontanesi, ideatore, assieme al figlio Davide, di questo allenamento che unisce tre discipline, quella della Boxe, quella della danza e la Marcia.

«A novembre 2022 inizio il mio percorso di formazione – spiega Alessia – con una parte teorica online, incontri via Zoom e, nel marzo del 2023 a Rimini tre giorni di formazione e la certificazione».
Dopo un altro anno di allenamento condiviso, il percorso di formazione prosegue come “master trainer”, aggiungendo nozioni di fisiologia del corpo, alimentazione e nutrizione, la prima base di PNL programmazione neurolinguistica e comunicazione efficace e, a fine febbraio 2024, la nuova certificazione, conseguita sempre a Rimini.

«Camminata metabolica – spiega con passione la trainer – ha alla base una camminata attiva eseguita con una speciale corda chiamata Fband e completata da esercizi di potenziamento muscolare seguiti da stretching e relax». Tramite cuffie wifi il trainer spiega i vari esercizi a tutti i partecipanti che li eseguono a ritmo di musica.

«Le uniche cose necessarie sono acqua e un tappetino fitness. La camminata è adatta a tutti poiché non viene richiesta alcuna preparazione specifica e ognuno segue il proprio ritmo». Un allenamento che dalla boxe prende la torsione del busto, dalla danza la sua elevazione e dalla marcia l’ottima spinta del piede. «Con l’elevazione e la torsione del busto si attivano addominali profondi e obliqui – specifica Alessia – con la spinta del piede si attiva il polpaccio che è la nostra seconda pompa circolatoria e si recluta il gluteo andando ad alleggerire il peso sulle ginocchia, il tutto accompagnato da una respirazione efficace che va ad ossigenare al meglio tutti i tessuti e gli organi».

Un allenamento che riduce il girovita, attiva circolazione e microcircolazione, riallinea la colonna migliorando la postura, è semplice e, soprattutto, divertente.

Si svolge all’aria aperta, principalmente nei parchi, di cui il nostro territorio è ricco, e permette di allenarsi in compagnia, ma nello stesso tempo singolarmente poiché ognuno segue il proprio ritmo e, ascoltando le spiegazioni del trainer dalle cuffie, volendo si riesce anche ad isolarsi e a concentrarsi di più su se stessi.

«Grazie anche al fatto di non avere specchi di fronte a sé come spesso accade nelle palestre – conclude Alessia – questa disciplina stimola anche una maggiore percezione del proprio corpo e permette di ascoltarsi meglio mentre si eseguono i vari esercizi, con il sorriso sulle labbra».

Condividi su

Leggi anche

Spettacoli per gli anziani al teatro di via Oxilia 4
il VERBANO

Al Kantiere a Possaccio, laboratori sui linguaggi di cinema e teatro

Sergio Ronchi

Un momento della conferenza stampa di presentazione delle idroambulanze
il VERBANO

Due nuove nuove idroambulanze per intervenire in emergenza sul lago

Redazione

il VERBANO

Spazio per giocare nel cortile delle Rosminiane a Verbania

Sergio Ronchi