Condividi su

In centocinquanta hanno percorso una tappa del “Cammino delle Colline novarese”, quella fra Cavallirio e Borgomanero. È stato scelto un percorso attraverso i vigneti con fermate al santuario del Crocifisso di Boca e alla chiesa parrocchiale dedicata allo Spirito Santo di Maggiora. Quindi la discesa nella valle del Sizzone, la salita fra altri vigneti, quelli del Castellazzo, per poi arrivare alla Villa Zanetta di Borgomanero, dove ha sede il Club alpino Italiano che ha organizzato la camminata con il patrocinio della Fondazione Comunità del Novarese e in collaborazione con il Club per l’Unesco Terre del Boca, il Consorzio Tutela Nebbioli Alto Piemonte, “Le Colline Novaresi”, “Città del vino” e “Terre dell’Alto Piemonte”.

Ad accogliere i partecipanti, dal volto arrossato per il sole molto estivo, il vice sindaco di Borgomanero Ignazio Stefano Zanetta con l’assessore Anna Cristina, il sindaco di Maggiora Roberto Balzano, Stefano Vercelloni, vice presidente dell’associazione nazionale Città del vino e assessore a Sizzano. Fra gli stessi partecipanti Davide Temporelli, sindaco di Ghemme, e Claudio Corona, sommelier, assessore al Turismo e all’agricoltura presso il comune di Cavallirio. Alla guida della camminata Paolo Campagnoli con Gianni Fioramonti e con Mario Ceratti e Diego Ipendi, presidente della sezione di Borgomanero del Cai. «Questi cammini mirano a valorizzare e a far conoscere il territorio – spiegano Paolo Campagnoli e Gianni Fioramonti – e a farlo conoscere in modo lento così da poter osservare quanto s’incontra.

Un secondo aspetto è dato dai vigneti che ne sono una caratteristica. E un altro aspetto è la socializzazione che si forma in questo ambiente». «L’osservare i vigneti, il potersi anche fermare in qualche cantina o in luoghi caratteristici, a cui prima non si era forse mai pensato o guardato, sono altri aspetti offerti da queste manifestazioni» ha spiegato Stefano Vercelloni. Il progetto è valido e ne è una conferma l’accoglienza data dalla Fondazione Comunità di Novarese che dà e riceve contributi per lo scopo (bollettino postale 18205146 oppure bancoposta iban IT63T0 7601101000 00018205146 oppure conto pay pal all’indirizzo [email protected]).

L’articolo con le altre notizie dai territori della Diocesi di Novara si possono trovare sul nostro settimanale, in edicola a partire da venerdì 19 aprile. Il settimanale si può leggere anche online, abbonandosi o acquistando il numero cliccando direttamente qui.

Condividi su

Leggi anche

l'INFORMATORE

Lido di Gozzano, dalle acque senza pesci alla bandiera blu

Rocco Fornara

l'INFORMATORE

Per far conoscere servizi e diritti Anffas propone un BonS.A.I.

Gianni Cometti

Foto di Andreas Glöckner da Pixabay
l'INFORMATORE

Cinema Nuovo di Borgomanero, il programma in sala fino al 28 maggio 2024

Luca Crocco

l'INFORMATORE

Le Bandiere Blu premiano le acque di novarese e Vco

Fabrizio Frattini