Condividi su

«Ogni giovane ha una vocazione che va avvalorata anche se non è quello che avrebbero voluto i genitori; ogni giovane, per quanto possa essere discolo, avrà sempre un punto accessibile al bene; ogni giovane ha una sua personalità di cui tenere conto». Sono alcune delle osservazioni fatta da don Giuliano Palizzi, direttore e docente di religione presso l’Istituto Don Bosco di Borgomanero, alla messa celebrativa di san Giovanni Bosco nel 134esimo anniversario della morte: il 31 gennaio 1888.
Don Bosco amava i giovani in quanto tali e il suo metodo era tanto valido che anche oggi è avanzato.
«Andava per Torino, incontrava ragazzi che sembravano scapestrati, ma ero solo affamati, e buoni. Li raccoglieva in un oratorio, stava con loro e giocava con loro, faceva in modo che avessero un lavoro che desse loro autonomia».
Don Bosco fu perfino sindacalista: «mandava i suoi ragazzi al lavoro facendo un accordo con l’imprenditore: il giovane avrà quanto gli spetta, ma chiederò come si comporta».

Sul giornale in edicola venerdì 3 febbraio l’articolo integrale e la galleria fotografica della festa per San Giovanni Bosco a Borgomanero.

Condividi su

Leggi anche

Franco Acquaviva
l'INFORMATORE

Il Teatro degli Scalpellini propone un esperimento con il coniglio bianco e rosso a San Maurizio

Redazione

Foto di Andreas Glöckner da Pixabay
l'INFORMATORE

Cinema Nuovo di Borgomanero, il programma in sala fino al 5 marzo

Luca Crocco

Villa Marazza a Borgomanero
l'INFORMATORE

Marzo in rosa alla Fondazione Marazza con “Smettetela di farci la festa” e “Profumo di donna”

Redazione

Immagine di freepik
l'INFORMATORE

Corso di teatro per ragazzi dai nove ai tredici anni a Orta con la Compagniadellozio

Gianni Cometti