Condividi su

Pietro Sarubbi, il Barabba nel film “La passione di Cristo” di Mel Gibson, è stato il primo ospite dell’undicesima stagione de il Caffè del Vicariato dei Laghi, la rassegna che punta a dimostrare come scienza e fede possano dialogare e convivere. In una gremita sala – oltre 150 i presenti – dell’Oratorio San Vittore di Intra, Sarubbi ha raccontato la sua testimonianza di fede, partita dalla conversione avuta proprio sul set cinematografico de “La passione di Cristo”.

«Fino alla registrazione del film – ha detto – ero una persona che si arrabbiava molto spesso e non sempre ero contento di quanto facessi. Dopo è scattato qualcosa di inspiegabile per me e per altri attori sul set. A partire da alcuni momenti di grande pathos e a sguardi intensissimi, primo tra tutti quello avuto con il Gesù della scena cinematografica, ho iniziato un periodo di conversione, che va avanti ancora oggi. L’essermi immedesimato realmente nell’ambiente del film mi ha cambiato».

L’articolo con le altre notizie dai territori della Diocesi di Novara si possono trovare sul nostro settimanale, in edicola a partire da venerdì 1° marzo. Il settimanale si può leggere anche online, abbonandosi o acquistando il numero cliccando direttamente qui.

Condividi su

Leggi anche

Spettacoli per gli anziani al teatro di via Oxilia 4
il VERBANO

Al Kantiere a Possaccio, laboratori sui linguaggi di cinema e teatro

Sergio Ronchi

Un momento della conferenza stampa di presentazione delle idroambulanze
il VERBANO

Due nuove nuove idroambulanze per intervenire in emergenza sul lago

Redazione

il VERBANO

Spazio per giocare nel cortile delle Rosminiane a Verbania

Sergio Ronchi