Condividi su

«La montagna è ancora e sempre lì per farci capire che impegnarsi veramente, è fare il passo iniziale, mettersi in cammino». Si metterà in cammino, in Formazza, un gruppo di giovani della diocesi, per vivere l’esperienza della “ciaspolata vocazionale”, tra il 17 e il 18 febbraio. «Un fine settimana per condividere la fatica della salita, la gioia della meta, l’incoraggiarsi a vicenda durante il percorso – spiega don Gianluca De Marco, direttore dell’Ufficio diocesano per la pastorale giovanile -. Non sarà soltanto “una gita”, ma l’occasione per lasciarsi interrogare, a partire dall’esperienza concreta del cammino, sulle proprie scelte vocazionali, sulle difficoltà e sugli obiettivi che i giovani pongono nella propria esistenza».

La meta di questa “ciaspolata vocazionale”, che incomincerà a Riale, sarà il Rifugio Maria Luisa. I partecipanti sono i giovani che hanno già preso parte al percorso vocazionale “Vieni e Vedi” e che desiderano fermarsi per un’esperienza di condivisione e riflessione personale. Ad accompagnarli, ci saranno con don De Marco, don Marco Barontini e don Mauro Baldi, rettore e vicerettore del Seminario San Gaudenzio.

«La montagna ci invita ad andare avanti, a superare noi stessi, spingendoci a scoprire le nuove condizioni indispensabili per noi, per rimanere fedeli allo slancio iniziale – riprende don Gianluca De Marco -. Ci guideranno nell’osservazione della montagna come luogo in cui allenare anche il nostro Spirito i testi di fra Gratien Volluz, selezionati da don Stefano Gallina. Fra Gratien, sacerdote, guida alpina, Canonico di San Bernardo, priore dell’Ospizio del Sempione, è morto cadendo in un crepaccio nel 1966 e le sue riflessioni ci accompagneranno, mentre parleremo con i giovani di partenza, punti di riferimento, cordata, rischio, cadute e meta».

L’articolo con le altre notizie dai territori della Diocesi di Novara si possono trovare sul nostro settimanale, in edicola a partire da venerdì 16 febbraio. Il settimanale si può leggere anche online, abbonandosi o acquistando il numero cliccando direttamente qui

Condividi su

Leggi anche

Un'edizione passata del pellegrinaggio dell'Oftal Novara a Lourdes
Diocesi

Dalla diocesi di Novara con l’Oftal a Lourdes: malati, volontari e giovani

Sara Sturmhoevel

https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/1/19/Isola_di_San_Giulio_%289182453906%29.jpg
Diocesi
l'INFORMATORE

È morto don Giacomo, storico cappellano dell’Isola di San Giulio. Il ricordo della comunità Mater Ecclesiae

Andrea Gilardoni