Condividi su

A Borgomanero, nel marzo 2020 la pandemia ha lasciato il segno: in casa o all’ospedale, i morti sono stati 92, nell’aprile dello stesso anno 100 rispetto a una media che si assesta intorno alle 50 unità. Tuttavia, il Covid ha anche stimolato nuovi investimenti nella sanità. Lo si è constatato all’inaugurazione delle nuove aree di terapia intensiva e semintensiva all’ospedale Santissima Trinità di Borgomanero.
«L’impegno economico – ha detto Angelo Penna, direttore generale dell’Asl Novara – è stato di 2 milioni e 18 mila euro dei quali una metà dal decreto legge 34/2020 di riorganizzazione della rete ospedaliera.

Nei mesi di pandemia – ha aggiunto – si diceva che l’Italia avesse solo il 40% di posti dedicati all’intensiva rispetto alla Germania. Noi ora, a Borgomanero, siamo passati da 6 a 16 posti registrando un aumento del 100 per cento». «Nella sanità pubblica dobbiamo investire e lo stiamo facendo – ha detto convinto l’assessore regionale Matteo Marnati – Il bilancio regionale (complessivamente di 13 miliardi) è dedicato per l’80% alla sanità. Investiamo nelle strutture tenendo conto che il 78% ha più di 40 anni e il 22% risale addirittura all’inizio ‘900».

L’articolo integrale con le altre notizie dai territori della Diocesi di Novara si possono trovare sul nostro settimanale, in edicola a partire da venerdì 5 aprile. Il settimanale si può leggere anche online, abbonandosi o acquistando il numero cliccando direttamente qui.

Condividi su

Leggi anche

l'INFORMATORE

Lido di Gozzano, dalle acque senza pesci alla bandiera blu

Rocco Fornara

l'INFORMATORE

Per far conoscere servizi e diritti Anffas propone un BonS.A.I.

Gianni Cometti

Foto di Andreas Glöckner da Pixabay
l'INFORMATORE

Cinema Nuovo di Borgomanero, il programma in sala fino al 28 maggio 2024

Luca Crocco

l'INFORMATORE

Le Bandiere Blu premiano le acque di novarese e Vco

Fabrizio Frattini