Condividi su

In tutte le case c’è almeno un’opera di Alessandro Manzoni; difficile che manchi una copia dei “Promessi sposi”. Ce ne sono veramente tante alla Marazza, ma straordinaria è la rarità di alcune edizioni, copie pressoché uniche, ma che giacevano da anni, quasi nascoste perfino agli occhi degli stessi amministratori.

Ora, grazie a un progetto, le potranno consultare studiosi, studenti e cittadini. Il progetto è legato al centocinquantesimo anniversario della morte del Manzoni (avvenne a Milano l’8 maggio 1873) ed è realizzato grazie a un contributo di 20.000 euro del fondo Dottor Giovanni Pagani costituito presso la Fondazione Comunità del Novarese onlus. È promosso dalla stessa Fondazione Marazza insieme con il Comune. Nella sua realizzazione è intervenuta anche Eleonora Bellini, già direttrice della Biblioteca Marazza.

Fra le opere presenti la prima tiratura della prima edizione dei “Promessi sposi” (Vincenzo Ferrario 1825-1826), edizione che viene comunemente definita “ventisettana”.

Vi è l’edizione del 1827 della tipografia Pozzolini di Livorno; quella del 1838 della tipografia La Fenice di Napoli; un volume de “I promessi sposi con illustrazioni tratte dai Ragionamenti sulla storia lombarda del secolo XVII di Cesare Cantù” del 1825, a cura della Tipografia della Speranza di Firenze.

La Marazza dispone dell’unica edizione stampata a Mendrisio (Canton Ticino) del romanzo manzoniano.

Sorprendente il formato tascabile “piccolissimo” dei Fratelli Salin di Padova (1902): sta nel palmo di una mano e ai lettori veniva fornita una lente d’ingrandimento: si risparmiava sulla carta.

L’articolo integrale sul nostro giornale, in edicola venerdì 17 marzo e disponibile anche online.

Condividi su

Leggi anche

l'AZIONE

Tra emozione e studio, maturità verso l’orale. Parlano gli studenti del novarese e borgomanerese

Redazione

Foto di Andreas Glöckner da Pixabay
l'INFORMATORE

Cinema Nuovo di Borgomanero, il programma in sala fino al 25 giugno 2024

Luca Crocco

nati domani estiva 2024
l'INFORMATORE

199 seggiole sotto le stelle, a Borgomanero la rassegna estiva di teatro

Luca Crocco