Condividi su

Risate, tante. Applausi, ancor di più. Ma non sono mancati anche i classici campanacci e i colpi di mestolo su casseruole e pentole. Tutto questo è andato in scena venerdì scorso a Ornavasso in occasione della nuova edizione de “La Corrida del Bosco”. A promuoverla è stato il Comitato festeggiamenti del rione Bosco di Ornavasso, in concomitanza con la festa patronale.

A mettersi in gioco sul palcoscenico del teatro di Ornavasso sono stati giovani e adulti, dando vita a una serata all’insegna del divertimento, con musica, imitazioni, cabaret e soprattutto tanta autoironia. Tutti ingredienti che non solo hanno permesso la buona riuscita della manifestazione, ma che hanno anche sottolineato la voglia delle persone di tornare a vivere momenti di comunità. A impressionare, in positivo, infatti è stata la sala gremita di pubblico, come non si vedeva da prima della pandemia.

Al resto, come detto, vi ha pensato la fantasia degli artisti in erba saliti apparsi sulla scena. Le luci della ribalta non li hanno per nulla intimoriti. Non sono mancati anche momenti da brivido lungo la schiena, con alcune esibizioni canore perfette, così come resterà nella memoria di tutti la presenza scenica di “Rino”, valletta speciale per una serata altrettanto speciale. Per gli annali, a vincere l’edizione 2023 de “La Corrida del Bosco” sono stati i giovani talenti emergenti del gruppo rock Mi Dviet, nome russo che significa orso.

Sul nostro settimanale in edicola e online venerdì 21 aprile, la galleria fotografica e il servizio integrale.

Condividi su

Leggi anche

Uno scorcio della Val Grande - AF2098, CC BY-SA 4.0 , via Wikimedia Commons
il VERBANO

La “musica in quota” a Pian d’Arla con il coro Le Chardon in concerto

Sara Sturmhoevel

il VERBANO

Alla sfida a due per Verbania Brezza e Albertella vanno soli

Redazione

La sede istituzionale del Municipio di Verbania - Alessandro Vecchi, CC BY-SA 3.0 , via Wikimedia Commons
il VERBANO

Ballottaggio per il sindaco di Verbania tra Brezza e Albertella

Redazione