Condividi su

Nei quasi duecento partecipanti per il concorso, tra gli studenti del liceo Galileo Galilei, riscoprendo la Natura fotografando, si individuano 24 vincitori per l’edizione 2023. “La cura del creato comincia con uno sguardo” era il nome del concorso indetto dall’istituto Galilei.

Non a caso, l’iniziativa, che quest’anno è alla seconda edizione, verteva sul produrre uno scatto a tema “Primavera: la rinascita”. Così tutte le classi del liceo si sono riunite nell’auditorium della scuola, per ringraziare ogni partecipante.

La Natura è la protagonista del concorso del liceo Galilei

Il podio lo occupano Francesca Sacco, Rossana Lanucci e, primo classificato, Davide Peroni. La giuria che ha effettuato le selezione si compone di vari professori del liceo, quali Giuliana Creola, Marco Feo, Laura Biolcati Rinaldi, Martina Marti, Massimo Savastano, Costanzo Zingrillo. Inoltre era presente il dirigente scolastico, Gabriella Cominazzini, che ha introdotto le premiazioni dicendo «questa è un’iniziativa importantissima. Soprattutto dà modo ai ragazzi di vedere che la bellezza della Natura è gratuita.» Sullo stesso concetto, ha insistito ulteriormente l’assessore Francesco Valsesia «saper osservare è un momento di crescita.»

L’organizzazione è stata possibile anche grazie al supporto del Comune e il club Frecce Tricolore di Borgomanero. Quest’ultimo, rappresentato dalla presidente Maria Teresa Bertinotti, ha permesso una mostra presso il Comune. Infatti, tutte le foto premiate, sono state stampate ed esposte. Anche lei ha detto parole di incoraggiamento ai ragazzi. «Questo concorso vuole dare più speranza al domani, sapendo cosa è la natura. Voi siete il domani, e tutto ciò lo userete meglio di noi!»

Oltre a questa premiazione, si ringrazia anche la donazione della scultura minimalista “Tree”. La professoressa Nadia Ferraris ha donato questa opera della collezione del padre, Osvaldo Ferraris, alla scuola. «Con gesti come questo, non si fa altro che non onorare la sua memoria. Sarebbe orgoglioso di vedere la sua opera in un luogo di formazione come questo liceo».

Dopo i ragazzi, sono stati premiati anche i professori che meglio hanno trattato il tema.

L’articolo con l’intervista ai tre studenti vincitori si troverà nel nostro settimanale in edicola dal 19 maggio o anche online.

Condividi su

Leggi anche

l'INFORMATORE

La Festa dei popoli a Borgomanero, per riflettere su chi ha fame e chi spreca cibo

Gianni Cometti

l'INFORMATORE

Il “ceppo” di corsa con le carriole attorno al campanile restaurato a Gozzano

Rocco Fornara

l'INFORMATORE

Nell’antica piazza della pieve di Cureggio il mercato della terra “Naturale!”

Gianni Cometti

l'INFORMATORE

Un pezzo di casa Bonomi al comune di Armeno

Maria Grazia Cereda