Condividi su

Un premio per avere contribuito a dare evidenza all’importanza della donazione di plasma. Lo ha ricevuto Emma Tamboloni, 19 anni, di Cossogno, studentessa della classe V B del liceo artistico ”Piero Gobetti” di Omegna è stata premiata al palazzo della Regione a Torino.

Emma è la vincitrice del concorso grafico “Se il donatore non va alla plasmaferesi… la Plasmamobile va dal donatore”, bandito dalla Struttura regionale di coordinamento delle attività trasfusionali del Piemonte per la realizzazione del logo della campagna di sensibilizzazione sulla raccolta di plasma destinato alla produzione di farmaci salvavita.

Barbara Bienati, dirigente dell’Istituto “Piero Gobetti” di Omegna, ha dichiarato: «Abbiamo accolto con entusiasmo l’iniziativa della Regione Piemonte e il risultato ottenuto premia la grande sensibilità manifestata dagli studenti verso il tema della donazione. C’è stato molto interesse e la partecipazione è andata oltre le aspettative. Il messaggio ai giovani è arrivato forte e chiaro e il riconoscimento della Regione per noi è molto importante e gratificante».

«Mi complimento con la vincitrice per la qualità della sua opera – ha dichiarato l’assessore regionale alla Sanità del Piemonte, Luigi Genesio Icardi – e con l’istituto Gobetti, che ha mostrato grande sensibilità nel promuovere il concorso. Il coinvolgimento degli studenti è stato particolarmente importante, perché ha offerto loro  l’opportunità di esprimere la propria creatività, avvicinandoli al tema della donazione di plasma, su cui il contributo degli stessi giovani può essere determinante».

«Le mie più sentite congratulazioni alla vincitrice di questo concorso – afferma Elena Chiorino, assessore all’Istruzione della Regione Piemonte – e a tutte le scuole che hanno partecipato all’iniziativa.Sapere di poter contare su studenti consapevoli, altruisti e creativi è per me un grande motivo d’orgoglio».

Il nuovo logo sarà utilizzato per le nuove autoemoteche attrezzate e complete di tutti i servizi necessari per la donazione di plasma in aferesi, che verranno denominate “Plasmamobili piemontesi” e andranno ad aggiungersi alle strutture già dedicate alla raccolta territoriale.

L’articolo con le altre notizie dai territori della Diocesi di Novara si possono trovare sul nostro settimanale, in edicola a partire da venerdì 5 aprile. Il settimanale si può leggere anche online, abbonandosi o acquistando il numero cliccando direttamente qui.

Condividi su

Leggi anche