Condividi su

La parrocchia domese continua la raccolta fondi per proseguire nelle opere di restauro conservativo della Collegiata e per l’illuminazione artistica su pareti e volte affrescate. Dopo il restauro dell’abside concluso lo scorso anno e dopo il recente restauro dell’altare di San Giuseppe e del battistero della chiesa Collegiata, tanti sono ancora gli interventi da eseguire.

Per l’altare del Sacro Cuore servono 95 mila euro, per la cappella del Rosario 102 mila 800 euro, per quella di Santa Marta 120 mila euro, per la cappella dell’Addolorata 114 mila 300 euro, per la navata sinistra 211 mila euro, per la navata destra 213 mila euro, per la navata centrale 294 mila euro, per la cappella di San Carlo 122 mila 500 euro.

«Per coronare il sogno completo del recupero della nostra Collegiata – spiega il parroco don Vincenzo Barone – gettiamo il cuore oltre l’ostacolo. All’ambizioso progetto hanno aderito con generosità associazioni, enti e privati cittadini». Per contribuire è possibile effettuare un versamento in banca sul conto IBAN IT85C050344536000000008593 con causale “Restauro Collegiata”. Informazioni presso l’ufficio parrocchiale. Per questi interventi la parrocchia partecipa inoltre, con il Comune di Domodossola, ai bandi emblematici maggiori 2024 promossi dalla Fondazione Cariplo.

Articolo completo e altre notizie dai territori della Diocesi di Novara si possono trovare sul nostro settimanale, in edicola a partire da venerdì 3 maggio. Il settimanale si può leggere anche online, abbonandosi o acquistando il numero anche cliccando qui.

Condividi su

Leggi anche

Uno scorcio della Val Grande - AF2098, CC BY-SA 4.0 , via Wikimedia Commons
il VERBANO

La “musica in quota” a Pian d’Arla con il coro Le Chardon in concerto

Sara Sturmhoevel

Immagine di frimufilms su Freepik
il POPOLO dell'OSSOLA

Presentato il film “Quel rintocco di campane a San Giovanni” che racconta Crevoladossola

Redazione