Condividi su

Lo storico evento meritava un risalto adeguato e così è stato.  Ecco pertanto che nell’ambito della edizione 2024 dei Festeggiamenti patronali di San Vittore, il momento centrale d’eccezione per il suo carattere straordinario è stato la solenne inaugurazione del grande intervento di restauro della Basilica.
Il momento ufficiale è stato organizzato da Parrocchia e Comune, a sottolineare il risalto della circostanza non solo per i fedeli ma per la città tutta, che ha recuperato un motivo di valorizzazione e di attrazione dal punto di vista artistico e culturale di cui possono godere i cittadini e gli ospiti.

Il capolavoro del Barocco è di fatto tra gli edifici religiosi più belli della Diocesi e il pregevole restauro  protrattosi con il massimo impegno per oltre otto anni e conclusosi con la restituzione dell’interno della chiesa al suo primitivo splendore, suscita l’incondizionata ammirazione generale. 

A fare gli onori di casa il parroco don Costantino Manea il vescovo Franco Giulio e il vicario generale mons. Fausto Cossalter, tutte le principali autorità cittadine e territoriali e un folto pubblico.
Gli interventi

l vescovo Brambilla è intervenuto per sottolineare l’eccezionalità dell’evento con una relazione sul tema “Lo splendore del Barocco in un’epoca di crisi e cambiamento”. 

«Vorrei proporre una lettura dell’età del Barocco che la collochi entro i rivolgimenti della modernità – ha detto il vescovo -, per comprendere come, nel breve volgere di tempo, si passi dall’armonia e dalla solarità del Rinascimento allo splendore e alla magnificenza del Barocco».

Tre i mutamenti radicali richiamati dal vescovo che definiscono gli elementi artistici del Barocco e nel contempo segnano l’inizio della modernità. «Che nasce – ha spiegato – sotto il segno di tre rivoluzioni: geografica (con la scoperta delle Americhe), scientifica (con il sistema copernicano) e religiosa (con la Riforma protestante e la Controriforma), che decentrano rispettivamente l’unicità dell’Europa, la centralità della terra, l’unità della fede cristiana. Sono tre cambiamenti strutturali che, iniziati nel Cinquecento, giungono a maturazione nel Seicento con un primo tentativo di riassetto storico-culturale-politico, ma che poi sfoceranno nella seconda metà del Settecento con l’Illuminismo e la Rivoluzione francese, tentativo radicale di un nuovo cominciamento».

Ad intervenire anche il progettista e direttore dei lavori, l’architetto Cesare Vicari, che ha sottolineato come le difficoltà incontrate per la complessità dell’intervento siano state superate consentendo una esecuzione ottimale di ogni parte del restauro. 

I finanziatori

I lavori sono stati realizzati grazie al cospicuo contributo della fondazione Cariplo (rappresentata in basilica da Davide Maggi); cui si sono aggiunti i contributi dei fondi diocesani dell’8 per mille; della Fondazione Comunitaria del Vco (rappresentata dal presidente Maurizio De Paoli); della Fondazione CRT e da generose offerte degli intresi, segno dell’affetto degli abitanti per il simbolo della loro città. Al termine un momento conviviale e di festa all’asilo parrocchiale.

L’articolo, con altre notizie dai territori della Diocesi di Novara, sul nostro settimanale, in edicola da venerdì 17 maggio. Il settimanale si può leggere anche online, abbonandosi o acquistando il numero qui.

Condividi su

Leggi anche

il VERBANO

Albertella è sindaco di Verbania, supera Brezza al ballottaggio

Maria Elisa Gualandris

Boggiani raccontato da Leigheb
l'AZIONE

Leigheb racconta Guido Boggiani al Museo del paesaggio di Verbania

Monica Curino

Settimana della danza verbania maggiore 2024
il VERBANO

“Settimana della Danza” al Maggiore Verbania dal 1° al 6 luglio 2024

Luca Crocco