Condividi su

La settimana della Festa dell’Uva 2023 di Borgomanero, alla 74ª edizione, è giunta a conclusione domenica 10 settembre con la sfilata dei carri in centro. Dopo la sfilata del pomeriggio, alla sera ci sono state le premiazioni, seguite dalla consegna delle chiavi e da una serata musicale anni Novanta. Tra i 16 partecipanti, il primo premio è andato a Suca Band per i gruppi, Prerro di Pogno per i vendemmiali e Poker d’Asu per gli allegorici.

Una sfilata da record

La sfilata, partita da corso Cavour alle 14, ha accolto 16 carri, divisi in tre categorie, ovvero gruppi a piedi, carri vendemmiali e carri allegorici. Questi sono stati preceduti da due bande, il corpo musicale a Broggio di Catelletto Sopra Ticino e Arona Music Academy. Ad aprire la pista è stato infine il gruppo storico, capitanato dalla “Sciora Togna”.

Il momento clue è stata la seconda passata in piazza, momento in cui ogni gruppo si è esibito davanti alla giuria. In particolare, il carro dei Matai dal Scjioppu ha toccato un record in persone in un solo gruppo, con ben 420 partecipanti.

La giuria e i presentatori

La giuria era composta di importanti personalità della sfilata, ed hanno votato coreografia, costumi, originalità e numero di partecipanti. In più, solo per i carri allegorici, la categoria più prestigiosa, si valuta anche la qualità costruttiva del carro. In giuria erano presenti Diana Astolfi, Cinzia Rognoni, Udo Glatthaar, Ignazio Stefano Zanetta, Mariano Manca e Francesca Colombo.

A presentare la sfilata sono stati due speaker di BluRadio, Gigi Carlotto e Giusi Vitali. Gli stessi presentatori hanno annunciato i vincitori della sfilata dei carri e del palio della domenica precedente la stessa sera, poco prima la riconsegna delle chiavi dalla “Sciora Togna” al sindaco Sergio Bossi.

La lista dei partecipanti e classifica

In ordine di classifica, i partecipanti sono stati i seguenti. Nelle classifiche sono stati esclusi due gruppi che sono stati ospiti della sfilata, ovvero twirling Santa Cristina e i ragazzi del Borgo Divino.

Partendo dalla classifica dei gruppi a piedi, al sesto posto con 156 punti, il carro di Arci Simone, fatto in memoria di caro amico dell’associazione Arci di Valle Mosso. Quinto l’Oratorio di Cressa, con il tema “Ken e Barbie”, con 159 punti. Quarto San Bernardo, dall’omonimo rione borgomanerese, ha portato il tema degli insetti, con 161 punti. Terzi i ragazzi del circo, del Rione Cascine di Ispra. Al secondo posto Gattico-Veruno, con 185 punti ottenuti con il loro tema di “Peter Pan“. Primi di categoria i ragazzi della Suca Band, con 188 punti, con karaoke e costumi floreali.

Premiati poi i carri vendemmiali, con I Matai dal Scjioppu al quarto posto, seguiti da Santa Cristina al terzo posto con 157 punti. Secondi con 159 punti i ragazzi di Vendemmia on the Road e 168 punti per il Circolo Prerro di Pogno, primo dei carri vendemmiali.

Nella classifica dei carri allegorici troviamo al quarto posto il Comitato Genitori di Cureggio insieme a “Ginnastica 2000” di Borgomanero, e il loro carro a tema “Lego“. Al terzo posto, con 216 punti I Tira Tardi da Grignasco, a tema vino. Al secondo posto con 244 punti il carro dell’Oratorio di Borgomanero, a tema “la Ricerca di Nemo“. I vincitori con 249 punti sono i giovani del carro Poker D’Asu, con il loro carro a tema “Pinocchio e altre fiabe“, insieme a Fantastic Gym di Borgomanero.

Il racconto della sfilata dei carri borgomanerese ed altri articoli riguardanti il territorio sul nostro settimanale in edicola venerdì 15 settembre. Il settimanale nelle edizioni L’Informatore, Il Sempione e Il Monte Rosa si può leggere abbonandosi o acquistando il numero che interessa direttamente qui.

Condividi su

Leggi anche

Casa della Carità. Si inaugura a Borgomanero
l'INFORMATORE

La Casa della Carità di Borgomanero ospiterà le “Azioni per la pace”

Gianni Cometti

l'INFORMATORE

I nuovi investimenti all’ospedale di Borgomanero stimolati dall’emergenza pandemica

Gianni Cometti

Foto di Andreas Glöckner da Pixabay
l'INFORMATORE

Cinema Nuovo di Borgomanero, il programma in sala fino al 16 aprile

Luca Crocco