Condividi su

All’Istituto alberghiero è iniziata la rassegna “Una professione per viaggiare”. Il prestigioso istituto varallese “Giulio Pastore”, importante non solo come polo didattico ma anche come propulsore per il futuro dell’accoglienza alberghiera in valle, ha aperto un nuovo “salotto” per parlare di viaggi e carriere in questo settore così importante per la nostra economia.

Primo ospite il professor Gianfranco Astori, ex studente, direttore di una catena d’alberghi in Medio Oriente e in Africa e dell’ Istituto alberghiero di Losanna. Infaticabile viaggiatore, per Astori, la Valsesia batte però sempre «dalla parte del cuore. Sono nato qui e sono fiero di essere originario di questa terra. Indipendentemente da tutti i viaggi che si possono fare non si può dimenticare il proprio luogo di origine».

In dialogo con la preside dell’alberghiero, la professoressa Angela Maria Vicario, Astori ha intrattenuto i presenti con il racconto della sua vita movimentata ed avventurosa, nella speranza di incoraggiare i giovani a non avere paura e ad inseguire sempre i propri sogni, portando con orgoglio il nome di Varallo e della Valsesia nel mondo. Non è mancato l’aperitivo offerto dagli studenti presso il maestoso salone “Belle Époque”.

L’articolo integrale sul nostro settimanale in edicola venerdì 1 marzo con gli approfondimenti e altre notizie dal territorio. Il settimanale in tutte le edizioni si può leggere abbonandosi o acquistando il numero che interessa direttamente qui.

Condividi su

Leggi anche

il MONTE ROSA

Dopo 50 anni Cravagliana è tornata la statua del Santo

Lorenzo Maria Colombo

Un gruppo di volontari valsesiani a Roma
il MONTE ROSA

La Croce Rossa e Papa Francesco, i volontari dalla Valsesia a Roma

Redazione

il MONTE ROSA

Borgosesia punta sul robot ortopedico e attirerà pazienti anche da fuori regione

Roberto Conti

Diocesi
il MONTE ROSA

La testa e il cuore alla ricerca di Dio, i giovani della diocesi a Varallo con il vescovo Franco Giulio

Sara Sturmhoevel