Condividi su

Domandarsi dove nascono le distinzioni di genere significa anche analizzare le radici dello sviluppo culturale umano. Per questo, analizzare il linguaggio è stato l’obiettivo dell’incontro del 3 marzo, sulla relazione di violenza sulle donne e cultura, presso Villa Marazza. A presentare Elena Rossi e Beatrice Gerbaudo, due socie dell’Aps me.dea, Centro Antiviolenza di Alessandria. L’ente, grazie anche al Sistema Bibliotecario del Medio Novarese e al Ministero della Cultura, ha organizzato cinque date per sensibilizzare sulla violenza di genere presso la Fondazione Marazza. Gli incontri sono a ingresso libero, anche se indirizzati all’aggiornamento di insegnati e operatori culturali.

“È la prima volta che veniamo in questa zona” ci dichiarano Elena e Beatrice dopo la presentazione. “Dal 2009, noi e un’altra ventina di donne abbiamo avviato il centro. Da allora abbiamo aumentato le nostre funzioni e siamo in contatto anche con altri Centri Antiviolenza del territorio. Con la nostra casa rifugio diamo sostegno a circa 200 donne l’anno”. L’associazione me.dea, parte della rete D.i.Re., infatti include centri di prevenzione, protezione, sostegno al lavoro e ricerca culturale. Quest’ultimo centro collabora con l’ISTAT e ha fornito i dati per la presentazione del 3 marzo.

“Come il linguaggio e i nostri pensieri influenzano le nostre vite” – è stato il titolo con cui è cominciata la serata. Presentatrici e pubblico hanno riflettuto insieme partendo dal presupposto che le parole sono l’unico modo che abbiamo per capire la realtà. Di conseguenza, le parole e i concetti che rappresentano, ci educano ad un certo modo di pensare. Proverbi, parole offensive, titoli di giornale e pubblicità maschilisti sono le tipologie di esempi mostrati per esplorare il concetto.

Questo è stato il secondo incontro, il prossimo sarà giovedì 9 marzo a tema “La violenza di genere. Un problema culturale”. Si può vedere il volantino dell’iniziativa presso il sito della Fondazione Marazza.

Condividi su

Leggi anche

Franco Acquaviva
l'INFORMATORE

Il Teatro degli Scalpellini propone un esperimento con il coniglio bianco e rosso a San Maurizio

Redazione

Foto di Andreas Glöckner da Pixabay
l'INFORMATORE

Cinema Nuovo di Borgomanero, il programma in sala fino al 5 marzo

Luca Crocco

Villa Marazza a Borgomanero
l'INFORMATORE

Marzo in rosa alla Fondazione Marazza con “Smettetela di farci la festa” e “Profumo di donna”

Redazione

Immagine di freepik
l'INFORMATORE

Corso di teatro per ragazzi dai nove ai tredici anni a Orta con la Compagniadellozio

Gianni Cometti