Condividi su

«Vogliamo valorizzare il brand Alto Piemonte, il nostro territorio, le nostre cantine perché hanno un potenziale enorme con la produzione di un grande vino di qualità, in simbiosi con tutti i progetti turistici sul territorio, per poter accogliere al meglio i turisti e tutti quelli che vorranno “visitare” le nostre bellezze». Così si è espresso l’assessore regionale Matteo Marnati alla cerimonia di premiazione delle aziende vinicole e dei Comuni del territorio novarese di Città europea del vino 2024, che si è svolta al castello di Novara.

Un evento che la Regione ha organizzato, dopo che la candidatura congiunta di Alto Piemonte – Gran Monferrato ha ottenuto il riconoscimento di Città europea del vino 2024, «per promuovere i produttori e le cantine del nostro territorio che hanno percepito appieno il vantaggio di lavorare in squadra e in sinergia, perché questo possa essere un anno di promozione, di creazione di una nuova strategia che dia un risultato non effimero, ma strutturale nel tempo» ha aggiunto Marnati.

La premiazione ha interessato i tredici Comuni del Novarese che fanno parte dell’Alto Piemonte e le rispettive aziende vinicole: Ghemme (capofila), Barengo, Boca, Bogogno, Borgomanero, Briona, Fara Novarese, Grignasco, Maggiora, Mezzomerico, Romagnano Sesia, Sizzano e Suno.
Alla cerimonia è intervenuto Stefano Vercelloni, vicepresidente nazionale di Città del vino e coordinatore regionale delle Città del vino piemontesi.

L’articolo integrale e la galleria fotografica con tutti i premiati sulla pagina dedicata all’evento sul nostro settimanale in edicola venerdì 2 febbraio con gli approfondimenti e altre notizie dal territorio. Il settimanale si può leggere abbonandosi o acquistando il numero che interessa direttamente qui.

Condividi su

Leggi anche

Diocesi
l'AZIONE

Patto per governare le nuove tecnologie, entra nel vivo Passio 2024

Monica Curino

4,7 milioni di euro per lo sviluppo di 41 Comuni del Novarese
l'AZIONE

4,7 milioni di euro per 41 lo sviluppo di Comuni del Novarese

Marco Cito

Giustizia
l'AZIONE

Percorso sulla giustizia riparativa al via a Novara

Monica Curino