Condividi su

Dopo due anni di fermo dovuto all’emergenza sanitaria ritorna il premio “Aronese dell’Anno”,  l’Amministrazione Comunale di Arona ha infatti indetto la XXIIIª edizione del tradizionale riconoscimento.

Le candidature potranno essere presentate entro il 20 febbraio. Lo scopo del Premio è dare pubblica riconoscenza all’attività svolta dagli aronesi che con opere concrete nel campo delle scienze, delle lettere, delle arti, dell’industria, del lavoro, della scuola, dello sport, con iniziative di carattere sociale, assistenziale e filantropico, con particolare collaborazione alle attività della pubblica amministrazione, con atti di bontà, generosità, coraggio e di abnegazione civica, abbiano in qualsiasi modo giovato ad Arona.

Il Premio è riservato a residenti ed operanti ad Arona da almeno tre anni. Le candidature dovranno essere indirizzate alla “Commissione Giudicatrice del Premio Aronese dell’Anno – Palazzo di Città, via San Carlo 2 – 28041 Arona” e dovranno essere corredate da un breve curriculum del candidato e dall’indicazione con generalità complete e recapito del proponente.

L’articolo, con il ricordo della prima edizione nel 1998 con il riconoscimento a monsignor Mario Ingignoli e di tutti i premiati, sul nostro settimanale in edicola venerdì 10 febbraio e disponibile anche online.

Condividi su

Leggi anche

il SEMPIONE

Ad Arona tempo di Tredicino, le giostre e il programma

Giulia Dusio

Arona
il SEMPIONE

Positivo il bilancio turistico dell’anno 2023 per l’Aronese

Franco Filipetto

Il tavolo dei relatori della presentazione del quaderno "La memoria non è polvere"
il SEMPIONE

La “Casa di Riposo” di Arona assicura che “la memoria non è polvere”

Giulia Dusio

il SEMPIONE

L’immagine digitale di Cimberio “made in Dormelletto”

Redazione