Condividi su

Scadranno tra circa un mese i cento giorni per la presentazione per progetto della super strada Novara-Vercelli. La Sina, Società iniziative nazionali autostradali del gruppo Gavio in raggruppamento temporaneo di imprese con lo studio di ingegneria M2P di Vigevano si sono aggiudicati la gara d’appalto per la progettazione della superstrada a quattro corsie tra i due capoluoghi.
Erano state sei le offerte presentate entro lo scorso 30 maggio. La Commissione ha scelto la proposta redatta da Sina-M2P. Il raggruppamento temporaneo di imprese è ora chiamato a rispettare il vincolo dei cento giorni per presentare la progettazione preliminare, definendo i punti di passaggio e le interconnessioni con la viabilità esistente: l’appalto assegnato dal valore di 290 mila euro al lordo del ribasso d’asta, riguarda il primo lotto della Vercelli-Novara, compreso tra lo svincolo di Borgo Vercelli e la frazione Ponzana di Casalino. I primi 8 chilometri del lotto 1 sono finanziati con 50 milioni di euro del Pnrr. Ma per i lotti successivi nulla è ancora stato stanziato: il raggruppamento Sina-M2P si è pure aggiudicato l’opzione per progettare il secondo lotto, il tratto tra Ponzana e la tangenziale di Novara. Per questo ultimo lotto resta anche l’incognita di dove esattamente la superstrada si collegherà alla tangenziale di Novara, se in corrispondenza della rotonda di corso Vercelli o in prossimità della ferrovia Torino-Milano a nord della quale potrebbe correre la superstrada. In questo secondo caso dovrà essere realizzato un peduncolo di raccordo, salvo che Anas non proceda con la chiusura dell’anello tangenziale di Novara.
Sono tre le ipotesi di tracciato della Vercelli-Novara: a monte o a valle della ferrovia oppure l’allargamento della statale 11, con la realizzazione di due “tangenzialine” in corrispondenza delle frazioni Cameriano e Orfengo.
«Dopo l’esecutivo ci sarà la progettazione del piano tecnico finanziario che arriverà entro la fine dell’anno. È questo il passaggio fondamentale per poi arrivare a sbloccare i 50milioni di euro – spiega il presidente della Provincia di Vecelli Davide Gilardino -. Per il suo costo sono stati aggiunti altri 80mila euro. L’incontro con i progettisti è praticamente settimanale. I tempi dell’effettiva realizzazione? Si saprà qualcosa in più quando sarà pronto il piano finanziario».
«E’ senz’altro un’opera strategica per tutto il territorio e non solo – afferma il presidente della Provincia di Novara Federico Binatti – Questo andrà anche a valorizzare gli aspetti occupazionali e lavorativi. Non dimentichiamoci che anche il mondo scolastico e soprattutto universitario ne avrà beneficio».

Condividi su

Leggi anche

l'AZIONE

Un’aiuola fiorita targata Anffas e Alberto Mongrandi a Novara all’edicola Varnava

Monica Curino

Terapia intensiva
l'AZIONE

Terapia intensiva neonatale a Novara: un nuovo macchinario grazie al libro sul piccolo Valentino

Monica Curino

Il Novara si salva vincendo 2 a 1 con il Fiorenzuola e resta in serie C
l'AZIONE

Novara FC: almeno sei acquisti per puntare in alto

Marco Cito

Vassalli
l'AZIONE

Vassalli: alla scoperta del giardino segreto dello scrittore novarese

Monica Curino