Condividi su

Come preannunciato, si è tenuta l’Inaugurazione ufficiale, del “Circolo degli Amici”.

Il bar, gestito da sette ragazze con sindrome di down, insieme a genitori e volontari dell’Associazione Down Novara, ha riaperto i battenti dopo oltre un anno di chiusura. La sua sede è in largo Cantore 10, a San Rocco, nei locali che un tempo ospitavano il Consiglio di Quartiere.

Il “Circolo” aveva avuto la sua prima inaugurazione nell’ottobre del 2019, con una grande partecipazione di persone.

Poi la chiusura. La presidente dell’associazione, Carmen Roberta Desimone, i volontari e le ragazze non si sono però mai arrese. E oggi, grazie all’intervento dell’Amministrazione comunale, il bar ha potuto rialzare la serranda e aprirsi al quartiere.

Un quartiere, San Rocco, dove mancano da tempo servizi e luoghi di ritrovo. Il bar sarà aperto tutti i giorni, dalle 7,30 alle 22. E potrà fare anche da edicola grazie alla collaborazione con l’ex edicolante di San Rocco, da qualche tempo trasferita a Veveri.

Al taglio del nastro il sindaco Alessandro Canelli, l’assessore all’Istruzione e alla Gentilezza Giulia Negri, il presidente del Consiglio comunale Edoardo Brustia e tanti amici dell’associazione, tra cui i volontari e presidenti di due associazioni amiche come Sbulloniamo Insieme e Concentrici Odv. E ancora il titolare del biscottificio Camporelli, Ambrogio Fasola, che ha sostenuto l’associazione e fornito il catering per l’inaugurazione.

Servizio completo sul settimanale in edicola insieme ad altre notizie. Qui ci si può abbonare alle nostre testate, scegliendo tra formato digitale oppure cartaceo e acquistare, sempre online, la copia singola del settimanale.

Condividi su

Leggi anche

l'AZIONE

Azzurra Hockey Novara ha incontrato il vescovo

Fabrizio Frattini

Patentini
l'AZIONE

Patentini per un corretto uso dello smartphone: 3.382 consegnati a Novara

Monica Curino

Cavalcavia 25 Aprile richiude
l'AZIONE

Novara: il Cavalcavia XXV Aprile da lunedì 20 torna a senso unico

Marco Cito

Suor Carla
l'AZIONE

Il grazie di Novara a suor Carla Miloni dell’Ambulatorio di Pronta Accoglienza

Monica Curino