Condividi su

Anche Novara e Verbania scendono in piazza con i sindacati per dire “Basta morti sul lavoro!”. Questo in occasione dello sciopero nazionale degli edili e dei metalmeccanici indetto da Cgil e Uil dopo il grave incidente sul lavoro avvenuto a Firenze nel cantiere per la costruzione della nuova Esselunga, infortunio sul lavoro dove hanno perso la vita cinque operai.

Due, come anticipato, i presidi sul nostro territorio. A Novara l’appuntamento è in piazza Matteotti dalle 16 alle 18, mentre a Verbania il presidio è in programma dalle 16 alle 18 davanti all’Esselunga di Pallanza.

Con questa doppia manifestazione i sindacati chiedono «la responsabilità dell’impresa committente; l’applicazione dei Ccnl di riferimento negli appalti; la formazione obbligatoria prima di accedere ai luoghi di lavoro; l’apertura di un confronto vero con il Governo». «Basta – aggiungono – tragedie come queste!». Stop ai «morti sul lavoro».

«Basta parlare di cordoglio – si legge nella nota diffusa dalle segreterie nazionali di Cgil e Uil – è il momento che il Governo, le imprese e le loro associazioni di rappresentanza si assumano le responsabilità: massimo ribasso, appalti a cascata, mancanza di controlli».

E ancora «è stata ignorata la piattaforma di Cgil, Cisl e Uil e si continua ad agire senza il confronto con chi è nei posti di lavoro».

Altre notizie che provengono dai restanti territori della Diocesi di Novara si possono trovare sul nostro settimanale, in edicola da venerdì 16 febbraio. Il settimanale si può leggere anche online, abbonandosi o acquistando il numero cliccando direttamente sopra a qui

Condividi su

Leggi anche

l'AZIONE

Patto educativo della città di Novara, un incontro per genitori sabato 20 aprile

Redazione

Pescio
l'AZIONE

Mauro Pescio, autore di “Io ero il milanese”, incontra gli studenti della media Bellini a Novara

Monica Curino

Immagine di frimufilms su Freepik
l'AZIONE

Al cinema a Novara, il programma dal 16 al 24 aprile

Redazione

Paniscia
l'AZIONE

Paniscia contro panissa a Novara: vince la solidarietà

Monica Curino