Condividi su

Il Novara chiude il calciomercato con l’acquisto di Toni Caravaca, classe 2004. Centrocampista cresciuto nella “cantera” del Barcellona, nella prima parte della stagione ha militato nel Sorrento.
Il suo arrivo in azzurro giunge a titolo temporaneo fino al termine del campionato.

Si tratta dell’undicesimo acquisto che di fatto ha rivoluzionato la squadra di mister Giacomo Gattuso.

«C’era la necessità di intervenire sull’organico e lo abbiamo fatto in maniera massiccia anche se a gennaio non è mai semplice per amalgamare la squadra. Abbiamo preso tutti ragazzi validi di buona prospettiva. La speranza è di portare in porto l’obiettivo finale, ovvero la salvezza» ha detto il direttore generale Pietro Lo Monaco.

«Sono un centrocampista con buona tecnica e buoni tempo di inserimento – dice il centrocampista Schirò – Mi piace mettermi a disposizione dei compagni. Sono di Novara, volevo rilanciarmi ed è il progetto giusto che cercavo. Ho trovato un gruppo molto disponibile». Bentivegna è seconda punta o esterno: «Mi piace puntare l’uomo e fare la giocata. Mi ha stimolato molto la piazza che non può stare dove è ora. Siamo tutti bravi ragazzi, mi hanno fatto sentire a casa subito». Il portiere Minelli ha esordito con il Padova con qualche errore: «Voglio riscattarmi subito. Sono qui per rilanciarmi. L’allenatore cura tantissimo la tecnica. Dobbiamo compattarci in questo momento difficile».
Cannavaro non sente il peso del suo cognome: «Un punto di partenza. Mio padre mi dà i suggerimenti, la famiglia mia mi appoggia». Kerrigan è un esterno che arriva dal Como: «Sono molto felice di ritrovare Gattuso condividiamo gli stessi obiettivi».

Condividi su

Leggi anche

Gaber
l'AZIONE

Alla scoperta di Gaber con Le Notti di Cabiria a Novara

Monica Curino

Ospedale
l'AZIONE

Oculistica d’avanguardia all’ospedale di Novara: in uso una nuova tecnologia unica in Italia

Monica Curino

Inclusione
l'AZIONE

All Inclusive: festa tra balli, musica e baskin a Novara all’insegna dell’inclusione

Monica Curino