Condividi su

Cara scuola, quanto mi costi? Lunedì gli studenti tornano in classe e sono molti i rincari che le famiglie si trovano a dover affrontare.

A partire dal corredo scolastico, ossia zaini, diari, astucci, quaderni, penne, matite. Le associazioni dei consumatori rilevano come l’esborso per questi prodotti e la sostituzione del materiale rovinato possa arrivare a 606 euro per alunno.

Si tratta di costi che arrivano a livelli ancora più alti se si scelgono prodotti di marca. Da un veloce ‘transito’ per i supermercati della città, in particolare Ipercoop e Carrefour, abbiamo voluto provare a vedere quanto si potrebbe spendere mettendo insieme un corredo scolastico di sottomarca e quanto si
esborserebbe se si scegliessero tutti prodotti di grido, all’ultima moda o legati alla squadra di calcio se non a qualche personaggio famoso o serie tv.

Passando da zaini e astucci senza loghi, ma comunque resistenti e utili quindi allo scopo, a quelli più alla moda e con tanti gadget.

Lo abbiamo fatto sommando le cifre per zaino, astuccio, diario e una decina di quaderni e quadernoni.
Per quanto riguarda gli zaini, ormai da qualche anno anche in versione trolley, si possono trovare buoni prodotti già intorno ai 14,90 euro (a 19,90 anche con qualche oggetto al’interno, come le cuffiette
per il telefonino). Zaini coloratissimi non di marca, ma comunque capienti e resistenti.

Articolo completo e altri servizi a tema scuola sul settimanale in edicola insieme ad altri approfondimenti a partire da venerdì 8 settembre. Qui, invece, ci si può abbonare alle nostre testate, scegliendo tra il formato digitale oppure il formato cartaceo

Condividi su

Leggi anche

Etnografico
l'AZIONE

Un Museo etnografico a Novara nelle sale di Palazzo Faraggiana?

Monica Curino

Issa Novara promossa in B1
l'AZIONE

Pallavolo: Issa Novara promossa in B1

Marco Cito

Bazzoni
l'AZIONE

Con i bimbi della Bazzoni, a Novara, un originalissimo “I Promessi Sposi”

Monica Curino

scuola genitori bambini
l'AZIONE

Novara: dal 27 maggio le iscrizioni per la ristorazione scolastica

Marco Cito