Condividi su

Continuano i lavori di restauro della chiesa parrocchiale di Castelletto Ticino e in questi giorni si è concluso il secondo lotto di interventi.
Le alte impalcature che cingevano il lato nord della chiesa di Sant’Antonio Abate sono state tolte e i lavori del secondo lotto del progetto di restauro sono ultimati. Si tratta delle facciate laterali e posteriore e delle corrispondenti falde di copertura.
Si è trattato del rifacimento quasi completo dell’intonaco a calce. In continuità con i lavori del primo lotto si è realizzato il solo stato grezzo di rinzaffo, mentre la finitura più fine a lieve contrasto è stata utilizzato per le cornici delle grandi finestre.
Sono stati inoltre verificati e consolidati i cornicioni in pietra, le cornici sommitali sono state in gran parte ricostruite.
Sono state consolidate alcune fessure da tempo esistenti con iniezioni di malte fluide compatibili.
Per le coperture si è svolta una completa verifica del manto e della listellatura verificando contemporaneamente la struttura sottostante.
Si è poi sostituita la lattoneria esistente con lattoneria in rame e si è adottato un sistema per impedire l’ingresso dei volatili soprattutto sulle gronde.
Tutti i lavori sono stati fatti come stabilito dalla Soprintendenza e l’Ufficio dei Beni Cuturali della diocesi.
I lavori del terzo lotto proseguiranno all’inizio del 2024 e riguarderanno l’abside e il lato sud della chiesa.
I lavori, il cui costo ammonta a 220mila euro, sono stati fatti dalle ditte Impresa edile Manzonie Uno -P Posteggi.
Per il finanziamento sono in arrivo le prime tranche del contributo ministeriale e il contributo CRT sul primo lotto di inteventi.
È già stato ottenuto il primo acconto sul contributo della CEI 8X1000.

Condividi su

Leggi anche

Lungolago di Arona
il SEMPIONE

Alberto Tampieri confermato presidente Pro Loco di Arona

Franco Filipetto

libri lettura bambina
il SEMPIONE

La saggistica al femminile viene premiata a Lesa

Giulia Dusio

il SEMPIONE

Pericolo esondazione: chiusa la Statale 336 tra Varallo Pombia e Somma Lombardo

Marco Cito

Il municipio di Arona - Foto Emanuele Sandon
il SEMPIONE

Per la Rocca e il Sancarlone il Comune di Arona non decide da solo

Franco Filipetto