Condividi su

È piovuto in modo abbondante qualche giorno fa. Se si apre il rubinetto sgorga acqua. Questo basta per far ritenere non così preoccupante la situazione climatica.

È un atteggiamento che coinvolge gran parte della popolazione, una reazione spontanea. Ma la realtà non è così. Lo ha detto Daniele Barbone, amministrazione delegato di Acqua Novara Vco, la società che “disseta” quasi mezzo milione di persone di 140 comuni delle due province.

Barbone ha parlato al termine di un convegno che si è svolto a Villa Marazza promosso da Città di Borgomanero, Fondazione Marazza e Circolo di Legambiente “Gli amici del lago”, di cui è presidente Massimiliano Caligara, che ha condotto il dibattito.

Primi dati fondamentali sono quelli riferiti ai millimetri di pioggia caduti. Nel 2020, c’erano stati 224 millimetri in meno rispetto alla media, nel 2021 412 in meno, nel 2022 888 in meno.

Un raro piovasco non è di rimedio a una situazione tendente alla siccità.
Anche la temperatura media, come ha spiegato Barbone, sempre a margine del convegno, è fuorviante. Mediamente l’aumento è di 1,1 gradi, «ma nel maggio 2022, nelle nostre zone, è stata di ben 7 gradi superiore alla media».

Articolo completo sul settimanale in edicola a partire dal 28 aprile e disponibile online.

Condividi su

Leggi anche

l'INFORMATORE

La Festa dei popoli a Borgomanero, per riflettere su chi ha fame e chi spreca cibo

Gianni Cometti

l'INFORMATORE

Il “ceppo” di corsa con le carriole attorno al campanile restaurato a Gozzano

Rocco Fornara

l'INFORMATORE

Nell’antica piazza della pieve di Cureggio il mercato della terra “Naturale!”

Gianni Cometti

l'INFORMATORE

Un pezzo di casa Bonomi al comune di Armeno

Maria Grazia Cereda