Condividi su

A Novara detenuti in visita alla mostra “Milano. Da Romantica a Scapigliata” al Castello.

Un progetto che si realizza grazie a “Evasioni artistiche”, ossia un’occasione di bellezza che ha consentito a 12 ospiti della Casa circondariale di Novara di visitare la mostra “Milano. Da Romantica a Scapigliata”.

Ancora una volta l’arte ha fornito un importante momento di risocializzazione e di riavvicinamento alla realtà fuori dal carcere per un gruppo di detenuti.

Persone che, dai vissuti diversi, durante la visita alla mostra su Milano, hanno manifestato grande interesse alle opere esposte e alle spiegazioni fornite dalle guide.

A proporre l’evento, ormai una tradizione, la Camera penale di Novara, presieduta dall’avvocato Alessandro Brustia, l’Associazione di Psicologia Giuridica e la Casa Circondariale. Con il sostegno di Mets-Percorsi d’Arte, Comune e Castello.

Presenti, con la delegazione di detenuti, agenti della Polizia penitenziaria, avvocati e magistrati. Con loro anche la direttrice del carcere, Rosalia Marino.

Una delle tante iniziative che puntano a dare valore alla pena e a sostenere il reinserimento e la risocializzazione dei detenuti, come il progetto, promosso con il Comune di Novara, Atc e Assa per l’utilizzo dei carcerati in lavori socialmente utili.

Persone e vite diverse, ma rese vicine e accomunate dall’arte e da ciò che sa dare. A fare da guide, in più gruppi, Paolo Tacchini, avvocato e presidente di Mets, e la professoressa Susanna Borlandelli.

Articolo completo sul settimanale in edicola da venerdì 10 marzo

Condividi su

Leggi anche

l'AZIONE

Patto educativo della città di Novara, un incontro per genitori sabato 20 aprile

Redazione

Pescio
l'AZIONE

Mauro Pescio, autore di “Io ero il milanese”, incontra gli studenti della media Bellini a Novara

Monica Curino

Immagine di frimufilms su Freepik
l'AZIONE

Al cinema a Novara, il programma dal 16 al 24 aprile

Redazione

Paniscia
l'AZIONE

Paniscia contro panissa a Novara: vince la solidarietà

Monica Curino